rotate-mobile
Cronaca Canizzano

Trovato morto da un amico, Marco Bosco stroncato da meningite

A uccidere il 40enne di Canizzano, secondo l'autopsia, una forma di meningite causata da un batterio. L'Ulss 9 rassicura: non è contagiosa

E' stato ucciso da una forma di meningite fulminante Marco Bosco, il quarantenne disabile di Canizzano trovato senza vita da un amico giovedì scorso.

A stabilirlo è stata l'autopsia disposta dalla Procura e le analisi svolte in laboratorio non lascerebbero dubbi. A causare la forma di meningite fulminante che ha stroncato l'uomo sarebbe stato un batterio, sul quale verranno condotti ulteriori accertamenti per stabilirne la pericolosità.

Le persone che sono entrate in contatto con il corpo di Bosco, operatori del Suem 118 e carabinieri, saranno probabilmente sottoposte a profilassi a titolo precauzionale. L'ipotesi del contagio, secondo l'Ulss 9, sarebbe comunque remota.

A trovare Bosco, giovedì pomeriggio, era stato un amico. Preoccupato dal fatto che il quarantenne non rispondesse, ha forzato la finestra della camera da letto ed è entrato. Bosco era riverso a terra, in cucina, morto da un paio di giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato morto da un amico, Marco Bosco stroncato da meningite

TrevisoToday è in caricamento