rotate-mobile
Cronaca Mareno di Piave

Lo trovano carbonizzato in un fosso, la Procura dispone l'esame del cadavere

Niente autopsia sul corpo di Ferdinando Gaiotto, il 90enne di Mareno di Piave che sarebbe morto travolto dalle fiamme di un fuoco che lui stesso avrebbe acceso per bruciare della sterpaglie

Sarà fatto un esame esterno cadaverico sul corpo di Ferdinando Gaiotto, l'anziano 90enne di Mareno di Piave rimasto vittima di un rogo giovedì 24 marzo. Il sostituto procuratore Giulio Caprarola non ritiene infatti necessaria l'autopsia dal momento che l'uomo sarebbe rimasto vittima del fuoco da lui stesso acceso per bruciare della sterpaglie in un terrneo di sua proprietà, in via Calmessa.

Secondo le ricostruzioni dei carabinieri di Conegliano, intervenuti sul posto, Gaiotto sarebbe uscito di casa per accendere un fuoco. Ne sarebbe scaturito un incendio accidentale in cui le fiamme hanno raggiunto l'uomo che, nel tentativo di mettersi in salvo, è finito nel fosso dove ha perso la vita ed è stato trovato da un passante che ne ha visto il corpo carbonizzato. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo trovano carbonizzato in un fosso, la Procura dispone l'esame del cadavere

TrevisoToday è in caricamento