menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marianna Cendron è scomparsa da un anno, genitori: "Cercate ancora"

La giovane cuoca di Paese è sparita il 27 febbraio 2013: da allora non si hanno sue notizie. E il giallo su di lei si infittisce: quella sera le telecamere del ristorante dove lavorava erano spente

E' trascorso ormai un anno da quando Marianna Cendron ha lasciato il ristorante di Salvarosa, dove lavorava, facendo perdere le sue tracce. Un anno in cui la giovane cuoca di Paese non ha dato notizie di sé e alcuni piccoli inquietanti particolari infittiscono il mistero della sua scomparsa.

Sono passati dodici mesi dalla sera di quel 27 febbraio 2013 e Pierfrancesco ed Emilia Cendron chiedono agli inquirenti di proseguire le ricerche, di non dimenticare la figlia 19enne svanita nel nulla.

SEGNALAZIONE - La pista principale resta quella della fuga volontaria all'estero, dove la 19enne potrebbe essersi recata per cercare lavoro. La possibilità che Marianna possa aver raggiunto la Bulgaria, alla ricerca della madre naturale, invece, non ha al momento trovato riscontro.

Di fronte al silenzio della figlia, che in questo mesi non ha mai contattato nemmeno il fratello, cui è molto legata, i genitori non nascondono di temere che a Marianna sia successo qualcosa di brutto. Innanzitutto sta male e ha bisogno di cure. Mary, affetta da una grave forma di anoressia, deve assumere farmaci a base di potassio che solo un medico può prescriverle.

A questo proposito il comandante della caserma dei carabinieri di Montebelluna, Eleonora Spadati, che dirige le indagini, ha lanciato l'allerta alle farmacie di tutta Italia e, la scorsa settimana, un negozio di Torino si è messo in contatto con i militari di Paese. Si è trattato, però, di un falso allarme: la cliente che aveva richiesto i farmaci non era Mary.

FACEBOOK - Nel frattempo emergono dettagli che gettano ulteriori ombre sulla vicenda della ragazza di origini bulgare, adottata con il fratello dai coniugi Cendron.

Al grande interrogativo sulla bicicletta bianca di Marianna, svanita nel nulla insieme a lei, si affianca quello sul profilo Facebook della giovane. Quella bacheca virtuale, dove prima della scomparsa Mary aveva annunciato che non sarebbe stata raggiungibile e che per lei si prospettavano tempi duri, è stata chiusa improvvisamente e, apparentemente, senza motivo a luglio.

Per questo Pierfrancesco ed Emilia Cendron hanno presentato un esposto in Procura: vogliono fare chiarezza e capire se dietro la cancellazione del profilo di Marianna ci sia lei o qualcun altro. E a marzo si terrà un nuovo vertice in prefettura.

TELECAMERE - Un altro particolare, poi, è emerso riguardo alla sera della scomparsa di Marianna. Il 27 febbraio 2013 la ragazza si era recata a Salvarosa, dove lavorava come cuoca. Al termine del servizio avrebbe dovuto incontrare il suo fidanzatino, ma all'appuntamento non si è mai presentata.

A infittire il mistero è il fatto che non sia stato possibile verificare se Marianna si sia allontanata dal locale da sola o con qualcuno, se sia salita a bordo di un'auto e che direzione abbia preso: quella sera infatti le telecamere del parcheggio del ristorante erano insolitamente spente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento