rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Paese

Marianna, l'uomo che la ospitava: "L'ho accompagnata io al lavoro"

Spunta un dettaglio da una telefonata inedita andata in onda a "Chi l'ha visto?". Renzo Curtolo avrebbe dato una versione diversa

“Sto male, non riesco a mangiare né a dormire”. Erano queste le parole pronunciate da Renzo Curtolo, l’uomo che ospitava Marianna Cendron in casa sua fino a prima della scomparsa. Espressioni che ha utilizzato subito dopo la sparizione, ma mandate in onda in una telefonata inedita da “Chi l’ha visto?” l’altra sera. Renzo Curtolo si è difeso: “Non c’entro nulla, l’ho solo ospitata”, ha precisato prima di riportare alla mente l’episodio di un borseggio subito da Marianna qualche settimana prima della scomparsa. “Le avevano rubato lo zaino e strappato i pantaloni e io glieli avevo ricuciti”.

E poi prosegue: “Ero andato a prendere Marianna solamente una volta, quando aveva preso il suo primo stipendio, quattro giorni prima della scomparsa”. L’uomo aveva sempre sostenuto di averla accompagnata alla fermata dell’autobus quella mattina del 27 febbraio, il giorno della sparizione, invece ha fornito un ulteriore dettaglio durante la telefonata a Rai3: “Quel giorno mi sembrava un po’ turbata, così  l’ho accompagnata al lavoro”. Un dettaglio che potrebbe fornire diversi spunti ai militari.

Infine Curtolo precisa di averle regalato un telefonino, nonostante Mary non lo volesse: “Sull’altro era senza soldi”, aveva detto. Per il momento i carabinieri stanno continuando a cercare. In famiglia, invece, dilaga la disperazione per una figlia che non si è più fatta viva, oltre all’angoscia che possa esserle successo qualcosa di brutto. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marianna, l'uomo che la ospitava: "L'ho accompagnata io al lavoro"

TrevisoToday è in caricamento