Maxi giro di riciclaggio scoperto dalla Guardia di Finanza, sequestrati 2 milioni di euro

Al centro dell'inchiesta delle fiamme fialle è una società che operava nel commercio all'ingrosso di minerali metalliferi e metalli ferrosi di Forlì. Coinvolta anche un'azienda trevigiana

A condurre le indagini la Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza del Comando provinciale di Rimini, al termine di un'articolata inchiesta chiamata "Black metal", ha scoperto un maxi giro di riciclaggio di denaro che ruotava intorno a una società che operava nel commercio all'ingrosso di minerali metalliferi e metalli ferrosi e che ha portato al sequestro di circa 2 milioni di euro. A finire nei guai sono stati tre imprenditori campani che, secondo gli inquirenti delle Fiamme Gialle, utilizzavano la ditta in provincia di Caserta che di fatto non ha mai avuto un’organizzazione aziendale e non ha mai operato nel settore dello smaltimento dei rifiuti per emettere fatture false e ricevere corrispondenti bonifici. Il conto corrente, sul quale ruotava il denaro, era stato acceso presso una banca di Bellaria Igea Marina dove sono transitati 2,3 milioni di euro da ben 5 diverse società operanti nel settore che avevano sede in provincia di Forlì, una in provincia di Ferrara e una in provincia di Treviso

I rappresentati legali di queste aziende, secondo gli accertamenti, erano vecchie conoscenze delle forze dell'ordine per reati specifici e inerenti all'utilizzo di fatture per operazioni insesitenti. Dagli approfondimenti investigativi si è appurato in sostanza che il conto corrente acceso nel riminese, ma intestato alla ditta casertana, dopo l’arrivo dei bonifici per circa 2 milioni, veniva prontamente svuotato, attraverso l’emissione di assegni circolari intestati a soggetti inesistenti e versati poi invece sui conti riconducibili agli stessi indagati, oppure effettuando prelevamenti in contanti o accreditando somme presso istituti di credito all’estero. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A coordinare l'indagine è stato il sostituto procuratore Paolo Gengarelli che, al termine dell'inchiesta, ha chiesto e ottenuto dal gip il  provvedimento di sequestro patrimoniale per equivalente per l’ammontare del profitto del reato di riciclaggio pari a circa 2 milioni. Allo stato sono state sequestrate le quote azionarie di 5 società con sede legale nella provincia di Benevento ed un conto corrente postale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento