Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Conegliano: calano le multe in città, in un anno compilati 1500 verbali in meno

Il neo comandante Mallamace: "Migliora l'educazione stradale, quella soprattutto che passa dai figli ai genitori, e aumenta il rispetto delle norme". Dati confortanti dalla cittadinanza

CONEGLIANO Il sindaco di Conegliano, Floriano Zambon, ha tenuto nella giornata di sabato una conferenza stampa in cui si è soffermato a lungo sull'attività svolta dagli agenti delle forze dell'ordine in città nel corso dell'ultimo anno. La mancanza del turn over inizia a farsi sentire anche a Conegliano e il corpo di polizia locale è sceso sotto le 30 unità (in passato contava 34 unità). Nonostante questo sono molti i dati positivi nel bilancio complessivo.

"Possiamo vantare un comando polizia locale di primo livello. Sono i cittadini a riconoscerlo - spiega il primo cittadino - siamo grati per il lavoro che svolgono, al quale si aggiunge quello di sensibilizzazione verso i giovani." Alla conferenza è intervenuto anche il neo comandante Claudio Mallamace che ha commentato con queste parole il lavoro dei suoi uomini: "L’esame dei dati statistici evidenzia un calo delle sanzioni amministrative per violazioni di norme del vigente codice stradale (circa 1.500 verbali in meno). Il dato scaturisce da una costante diminuzione di veicoli che transitano in centro storico, diventato zona a traffico limitato negli scorsi mesi, e dal significativo calo delle contestazioni per sosta irregolare. Lo sgravio di lavoro legato alle soste ha portato il personale a un maggiore impegno in tema di prevenzione e repressione di altre condotte (sia stradali che di civiltà) che destano maggiore allarme sociale."

Se le multe per divieto di sosta sono in calo, in città aumentano i problemi legati ai veicoli che circolano privi di copertura assicurativa e senza revisione. Non è tutto, negli ultimi mesi sono state moltissime le multe effettuate a guidatori sorpresi con il telefono alla guida e a tanti veicoli stranieri. Accanto all'attività operativa infine, merita menzione anche il lavoro amministrativo che impegna risorse umane e tempo per soddisfare le esigenze della cittadinanza, sempre più proiettata verso uno stile di vita con alti standard di qualità, ma anche per garantire l’efficienza ed il buon andamento della Pubblica Amministrazione. Solo per citare qualche dato le ordinanze stilate da 232 sono passate a 290, ma anche delibere, liquidazioni, permessi per persone diversamente abili, organizzazione del servizio viabilistico in occasione delle manifestazioni, hanno registrato un notevole incremento. Dati incoraggianti nel complesso che potrebbero migliorare ulteriormente nel corso dei prossimi mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conegliano: calano le multe in città, in un anno compilati 1500 verbali in meno

TrevisoToday è in caricamento