Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Contro l'obesità dei bambini merenda sana a 30 centesimi

Il progetto dell'Usl 9 coinvolge anche 100 tra pianificatori e fruttivendoli. La merenda contiene frutta o un panino con ingredienti naturali

TREVISO Una merenda sana a 30 centesimi. Sono un centinaio tra panificatori e fruttivendoli in quasi tutti i comuni di competenza dell’usl 9 di Treviso che metteranno in vendita le così denominate “merende sane” per i bambini offrendole a un prezzo contenuto, anche sotto forma di abbonamento (5 euro per 18 merende). Si tratta di un progetto che ha coinvolto le attività commerciali e l’usl 9, presentato lunedì mattina a Treviso dal Direttore Sanitario dell’Asl Michele Tessarin, dal Presidente della Conferenza dei Sindaci Paolo Speranzon, dai presidenti del Gruppo Provinciale Panificatori Maurizio Porato  e  Gruppo Provinciale dettaglianti ortofrutticoli Renzo Ghedin, Gli Alcuni: i fratelli Manfio, la rappresentante dei Pediatri di Libera Scelta Alessandra Pagliaro.

Per la prima volta nella storia, infatti, oggi i bambini corrono il rischio di un’aspettativa di vita inferiore di cinque anni a quella dei loro genitori. Le cause vanno ricercate in un’alimentazione non corretta e una sempre più ridotta attività fisica. Anche nel territorio dell’Azienda Ulss 9, complessivamente il 30% dei bambini è in sovrappeso e solo l’1% assume le porzioni di frutta e verdura necessarie contro il 27% che assume regolarmente bevande zuccherate.  Già oggi nella popolazione aziendale, circa 110.000 adulti sotto i 70 anni sono in sovrappeso, di questi 22.000 sono obesi. Da questi presupposti parte in questi giorni il progetto “Merenda sana”. Grazie alla collaborazione con Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, ed il supporto comunicativo del Gruppo Alcuni, il Dipartimento di Prevenzione ha messo in campo, per la salute dei bambini e in aiuto dei genitori, un centinaio tra panificatori e fruttivendoli che renderanno facilmente disponibili merende sane nei loro negozi.

 “E’ riconosciuto che il consumo di una merenda a metà mattina e pomeriggio spezza la fame, dà energia, migliora l’attenzione e favorisce la salute – spiega Michele Tessarin, Direttore sanitario dell’Azienda Ulss 9 -. Tra le cause più importanti di obesità e sovrappeso, però, a livello internazionale è riconosciuta l’eccessiva assunzione di spuntini ipercalorici, quali snack salati, merendine, bevande zuccherate. La “merenda sana” è a base di frutta oppure un panino con uvetta, frutta, noci o altri ingredienti naturali, grande quanto il pugno di un bambino. E’ fondamentale dare prodotti con pochi grassi, pochi zuccheri, le giuste calorie in grado di fornire quel tanto di energia per arrivare con il giusto appetito al pasto successivo”. Grazie agli Alcuni è stata preparata una campagna di informazione che vede i “Cuccioli” come protagonisti dei messaggi  promozionali ma anche di una vetrofania specifica per individuare i punti vendita e le confezioni della Merenda sana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro l'obesità dei bambini merenda sana a 30 centesimi

TrevisoToday è in caricamento