Sorpreso in giro nonostante i domiciliari: boss delle baby gang in carcere

Un 18enne di nazionalità cubana era stato arrestato dai carabinieri di Mira per botte e ricatti a coetanei, oltre che per episodi di spaccio nel trevigiano

Carabinieri in azione

Faceva parte delle baby gang che hanno imperversato negli scorsi mesi in centro a Venezia e Mestre. Arrestato a dicembre per i reati di estorsione, rapina, lesioni personali e spaccio di stupefacenti, gli erano stati poi concessi i domiciliari; una misura che, di fatto, il 18enne cubano P.E. aveva deciso di non rispettare. Sorpreso più volte ad infrangere la prescrizione del giudice, è stato fermato dai carabinieri della tenenza di Mira e portato in carcere a disposizione del magistrato.

Componente della baby gang

Il giovane delinquente era un componente attivo della baby gang salita agli onori della cronaca per le numerose scorribande in città, le risse e alcuni episodi di spaccio. Nello specifico, a dicembre il diciottenne era stato bloccato in flagranza di reato dai carabinieri di Mira mentre si faceva consegnare dei soldi da un altro ragazzo, diciassettenne. Un ricatto che durava da alcune settimane, con l'aguzzino che aveva estorto denaro alla vittima a più riprese, minacciandolo e picchiandolo. Il tutto era iniziato, sembra, a causa di un debito che il più giovane aveva contratto con il diciottenne dopo avere acquistato della marijuana da lui. Il giovane era stato segnalato anche come molto attivo nello spaccio nel Trevigiano, nella zona di Castelfranco Veneto, oltre ad essere stato denunciato dai carabinieri di Mira per lancio di sassi da cavalcavia e furti vari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In carcere

I militari, vista la pericolosità del ragazzo, hanno tenuto sotto controllo il ragazzo nel corso dei mesi, pizzicandolo in fallo: individuato per le vie di Mestre è stato fermato, arrestato e portato in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento