Cronaca Centro

La Mezza di Treviso a tempo di record: vince il keniano Paul Kariuki Mwangi

Grande successo per la terza edizione della corsa trevigiana. Il vincitore di quest'anno è stato un giovane atleta keniano. Una vittoria arrivata con un nuovo record di velocità

TREVISO Il Kenya trionfa nel cuore della Marca. E la Mezza di Treviso realizza un doppio record. Paul Kariuki Mwangi ha dominato la terza edizione della mezza maratona organizzata dall’ex campione azzurro Salvatore Bettiol. Il ventitreenne keniano ha chiuso in 1h01’25”, migliorando di oltre due minuti il primato della manifestazione, stabilito l’anno scorso da Daniele Meucci.

Record anche di partecipazione: 2.148 atleti al traguardo entro le tre ore del tempo massimo. Un partecipante su tre era donna. Mwangi ha fatto corsa solitaria sin dall’avvio: al passaggio al 10° chilometro, in 29’17”, il keniano conduceva già la gara con un vantaggio di 40” sul connazionale Benard Kiplangat Bett. E il margine si è ulteriormente ampliato nel finale, sino a superare i tre minuti, con Bett che ha confermato il secondo posto dell’anno scorso, chiudendo in 1h04’38”. Mwangi, oltre a realizzare il record della manifestazione, ha migliorato sé stesso: il tempo della Mezza di Treviso è infatti inferiore di 6” al primato personale che il giovane keniano aveva realizzato lo scorso 20 marzo, conquistando l’argento alla Stramilano.  Terzo il veneziano Leonardo Bidogia, tornato a correre una mezza maratona a quattro anni di distanza dall’ultima volta. E’ giunto al traguardo in 1h10’13”, mettendo a frutto nel finale le sue qualità di pistard (battuto in volata Luigi Zullo, 1h10’17”). Nel suo futuro, a medio termine, potrebbe esserci il debutto in maratona. La keniana Caroline Cherono ha bissato il successo del 2015, imponendosi nella gara femminile in 1h16’14”. Due italiane, Valentina Bernasconi (1h18’33”) e Gloria Rita Antonia Giudici (1h18’48”), l’hanno accompagnata sul podio, dove a premiare c’era anche l’azzurra di casa, Giulia Alessandra Viola, attesa al rientro agonistico nel 2017 dopo alcuni infortuni, e l’assessore allo Sport del Comune di Treviso, Ofelio Michielan, che ha ribadito la vicinanza dell’amministrazione comunale all’evento. Tra i partecipanti pure il sindaco Giovanni Manildo, arrivato in Borgo Cavour in 2h31’47”, preceduto dall’assessore al Bilancio, Alessandra Gazzola (2h12’28”). Molto positivo il bilancio organizzativo: “Sapevamo che il percorso è bellissimo, ora abbiamo la certezza che è anche veloce – ha detto Bettiol -. Il tempo di Mwangi ci proietta in un’altra dimensione, dandoci grande slancio per l’edizione 2017, quando l’obiettivo sarà di incrementare ulteriormente i partecipanti, avvicinando magari i tremila classificati. Verificheremo se c’è la possibilità di avere un campionato italiano: Treviso lo merita”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Mezza di Treviso a tempo di record: vince il keniano Paul Kariuki Mwangi

TrevisoToday è in caricamento