Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Pedopornografia online e sesso con minori: arrestati animatore e camionista

La maxi operazione di carabinieri e polizia. In manette due uomini, un 28enne originario dell'Ecuador, animatore in un oratorio monzese e un 39enne italiano dipendente di una ditta di autotrasporti milanese. Tra le vittime anche alcuni ragazzini trevigiani

Alcuni li avrebbero contattati online, riuscendo a farsi mandare foto e video decisamente espliciti. Altri, almeno tre, li avrebbero anche incontrati, consumando con loro rapporti sessuali. Due uomini, un 28enne originario dell'Ecuador, animatore in un oratorio monzese e un 39enne italiano dipendente di una ditta di autotrasporti milanese - sono stati arrestati nelle scorse settimane al termine di una maxi indagine sulla pedopornografia portata avanti dalla polizia postale di Milano e dalla sezione operativa della compagnia carabinieri di San Donato Milanese. I due, si legge in una nota degli investigatori, sono accusati di aver messo in piedi "un vero e proprio sistema criminale finalizzato all’adescamento di minori, volto sia alla produzione di materiale pedopornografico sia a costringere, o convincere, i minori ad atti sessuali con i due adulti".

L'indagine è nata lo scorso anno, quando i genitori di un ragazzino minorenne si sono presentati dai militari di Peschiera Borromeo raccontando di essere preoccupati per il figlio. Pezzo dopo pezzo, carabinieri e poliziotti hanno ricostruito il puzzle, arrestando prima l'animatore dell'oratorio - che tra l'altro ha precedenti identici - e poi il camionista. Entrambi sono stati trovati in possesso di "un’ingente quantità di materiale pedopornografico, che in parte si scambiavano e cedevano a terzi".

Andando avanti con l'indagine, investigatori e inquirenti hanno poi scoperto una rete di abusi su adolescenti tra gli 8 e i 17 anni. Almeno 10 quelli caduti nella rete, tra Monza, Milano e Treviso. In tantissimi episodi, i due avrebbero adescato i giovani online - spacciandosi per ragazze o ragazzi della loro età - convincendoli così a inviare loro materiale pedopornografico. Ma non solo. Perché in tre occasioni, l'animatore e il camionista sarebbero riusciti a incrociare nel mondo reale tre vittime: con loro - mettono nero su bianco militari e agenti - "approfittando della loro ingenuità, riuscendo a guadagnare la loro fiducia, hanno consumato rapporti sessuali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedopornografia online e sesso con minori: arrestati animatore e camionista
TrevisoToday è in caricamento