menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio

Foto di archivio

Baby gang: un minorenne trevigiano in comunità per le rapine al Lido di Venezia

Insieme ad un coetaneo straniero è stato fermato dalla polizia in esecuzione di un'ordinanza cautelare emessa dal Gip del Tribunale dei minori

Sono stati collocati in comunità i due giovani accusati di aver partecipato alle rapine compiute a Venezia dalle cosiddette baby gang. Si tratta di due 17enni, un italiano residente Mogliano Veneto e uno straniero residente a Mestre. La polizia li ha raggiunti venerdì mattina in esecuzione di un'ordinanza cautelare emessa dal Gip del Tribunale dei minori. Il primo episodio di cui i due sono ritenuti resaponsabili risale al 23 marzo: in un locale del Lido avrebbero difatti avvicinato un sedicenne chiedendogli di cambiare una banconota da 20 euro; quando lui ha estratto il denaro, però, lo avrebbero minacciato e rapinato dei soldi. Nello stesso episodio era coinvolto anche un maggiorenne colpito da misura restrittiva il 29 maggio scorso. Ad uno dei due diciassettenni viene contestata pure la tentata rapina commessa, sempre al Lido, ai danni di un giovane in febbraio. Prima lo avevano minacciato, affermando di avere un coltello, poi lo avevano colpito con un pugno al volto.

Parallelamente all’azione investigativa della squadra mobile prosegue quella preventiva della Questura: giovedì pomeriggio, a Mestre, un diciottenne con precedenti per furti e rapine è stato raggiunto da un avviso orale del Questore. Il ragazzo era coinvolto, in passato, in altre indagini sempre relative a fenomeni delinquenziali giovanili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento