rotate-mobile
Cronaca Centro / Piazza dei Signori, 10

Legge di bilancio, due giorni di mobilitazione unitaria per Cgil, Cisl e Uil

Presidio e volantinaggio in piazza dei Signori davanti alla Prefettura venerdì dalle 16 alle 18 e sabato dalle 10 alle 12

TREVISO Doppia manifestazione in piazza dei Signori a Treviso per chiedere al Governo modifiche sostanziali alla Legge di bilancio 2018, in discussione in queste settimane. Le segreterie territoriali di Cgil, Cisl e Uil aderiscono all’iniziativa di mobilitazione lanciata a livello nazionale dai sindacati per sollecitare i parlamentari a confrontarsi maggiormente con i sindacati e a inserire una serie di provvedimenti in materia di lavoro, giovani, previdenza, welfare e sviluppo. A Treviso le manifestazioni davanti alla Prefettura saranno due: la prima, rivolta ai giovani, venerdì 13 dalle 16 alle 18, con intermezzi musicali della cantautrice Erica Boschiero; nella seconda, sabato 14 dalle 10 alle 12, verrà consegnato al prefetto il documento con le richieste. 

“Il Governo e il Parlamento – spiegano Giacomo Vendrame, Segretario generale Cgil Treviso, Cinzia Bonan, Segretario generale Cisl Belluno Treviso e Brunero Zacchei, Segretario Uil Treviso Belluno – si apprestano a varare una legge di bilancio 2018 che non prevede le risorse necessarie per garantire maggiore equità e sviluppo, elementi fondamentali per la ripresa del nostro Paese e che rivendichiamo da tempo. Sui temi delle pensioni, dei giovani, dell’occupazione, della sanità e dei contratti, Cgil, Cisl e Uil hanno presentato delle proposte precise che rappresentano la priorità e che vanno affrontate e sostenute con misure e risorse adeguate. Non possiamo continuamente rimandare delle scelte fondamentali per la crescita del nostro Paese”.

Cgil, Cisl, Uil chiedono più risorse per l’occupazione giovanile e per gli ammortizzatori sociali, il congelamento dell’innalzamento automatico dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita, un meccanismo che consenta di costruire pensioni dignitose per i giovani precari, una riduzione dei requisiti contributivi per l’accesso alla pensione delle donne con figli o impegnate in lavori di cura, l’adeguamento delle pensioni in essere, la copertura finanziaria per il rinnovo e la rapida e positiva conclusione dei contratti del pubblico impiego, risorse aggiuntive per la sanità ed il finanziamento adeguato per la non autosufficienza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge di bilancio, due giorni di mobilitazione unitaria per Cgil, Cisl e Uil

TrevisoToday è in caricamento