Il Gris affonda nei debiti, il sindaco di Mogliano: "Notizie allarmanti"

Carola Arena: "Il piano di esdebitazione, licenziato dal Commissario regionale, sembrerebbe non essere più valido e l’alternativa potrebbe essere molto pesante"

MOGLIANO Il Sindaco di Mogliano Veneto, Carola Arena esprime la propria preoccupazione e quella di tutta l’Amministrazione Comunale per le allarmanti notizie, emerse nelle scorse ore, sulla situazione debitoria dell’Istituto Gris. “La notizia giunta nelle scorse ore –commenta il Sindaco Arena – ci ha francamente sorpreso considerato lo stato di avanzamento dell’iter e la già avvenuta omologa. Il piano di esdebitazione, licenziato dal Commissario Regionale, secondo le notizie che giungono in Città oggi sembrerebbe non essere più valido e l’alternativa, considerato che due creditori non avrebbero accettato, potrebbe essere molto pesante.”

“Questa situazione – continua il Sindaco – è certamente preoccupante perché non fa altro che complicare una condizione già molto difficile che stavamo tentando di affrontare e risolvere almeno in parte anche grazie al coinvolgimento dell’ULSS 9 attraverso un ragionamento sul Distretto Sanitario.”

“Oggi più che mai – conclude il Sindaco Arena – il futuro del Gris, e di conseguenza del Distretto, è in mano alla Regione Veneto: se il piano per colmare i debiti dell’IPAB, infatti, veramente non fosse più praticabile apparirebbe indispensabile un intervento diretto perché non si costringa il nostro territorio a veder chiudere un’Istituzione storica e importante come è il Gris”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento