Il Gris affonda nei debiti, il sindaco di Mogliano: "Notizie allarmanti"

Carola Arena: "Il piano di esdebitazione, licenziato dal Commissario regionale, sembrerebbe non essere più valido e l’alternativa potrebbe essere molto pesante"

MOGLIANO Il Sindaco di Mogliano Veneto, Carola Arena esprime la propria preoccupazione e quella di tutta l’Amministrazione Comunale per le allarmanti notizie, emerse nelle scorse ore, sulla situazione debitoria dell’Istituto Gris. “La notizia giunta nelle scorse ore –commenta il Sindaco Arena – ci ha francamente sorpreso considerato lo stato di avanzamento dell’iter e la già avvenuta omologa. Il piano di esdebitazione, licenziato dal Commissario Regionale, secondo le notizie che giungono in Città oggi sembrerebbe non essere più valido e l’alternativa, considerato che due creditori non avrebbero accettato, potrebbe essere molto pesante.”

“Questa situazione – continua il Sindaco – è certamente preoccupante perché non fa altro che complicare una condizione già molto difficile che stavamo tentando di affrontare e risolvere almeno in parte anche grazie al coinvolgimento dell’ULSS 9 attraverso un ragionamento sul Distretto Sanitario.”

“Oggi più che mai – conclude il Sindaco Arena – il futuro del Gris, e di conseguenza del Distretto, è in mano alla Regione Veneto: se il piano per colmare i debiti dell’IPAB, infatti, veramente non fosse più praticabile apparirebbe indispensabile un intervento diretto perché non si costringa il nostro territorio a veder chiudere un’Istituzione storica e importante come è il Gris”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Lanciamissili abbandonato in un fossato, giallo a Ponzano Veneto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento