rotate-mobile
Cronaca Mogliano Veneto

Distrugge un nido di balestrucci, denunciato dai vicini: «Non era la prima volta»

Nella frazione di Bonisiolo a Mogliano Veneto, è stato colto sul fatto un uomo accusato di aver distrutto un nido già formato di balestrucci. Il commento di Lipu Treviso: «Categoria protetta come le rondini, informata la polizia provinciale»

Martedì scorso, 4 giugno, la sezione trevigiana della Lipu ha ricevuto la segnalazione di un nido di Balestruccio (famiglia delle rondini) distrutto da un residente nella frazione di Bonisiolo a Mogliano Veneto. L'uomo è stato incastrato dai vicini di casa che hanno raccontato all'associazione trevigiana come il fatto fosse avvenuto nei giorni scorsi. All'interno del nido, già formato, c'era l’adulto che con ogni probabilità aveva già covato, costretto in uno spazio più angusto del dovuto a causa di uno “scopettone” appositamente posizionato dal proprietario dell’appartamento.

I vicini di casa hanno riferito alla Lipu di aver assistito personalmente alla rimozione del nido e alla successiva pulizia dei frammenti caduti in terrazza. Per diversi giorni i balestrucci sono tornati al punto dove avevano nidificato, trovandosi però costretti ad aggrapparsi alla parete del condominio non avendo più il loro appoggio essenziale. A rendere la testimonianza ancora più grave è il fatto che i vicini dicono di aver visto l'uomo rimuovere un nido anche l'anno scorso ma non erano riusciti a riprendere l'accaduto. Si tratta quindi di una persona recidiva: Lipu Treviso ha informato il sindaco di Mogliano e la polizia provinciale di quanto accaduto, chiedendo opportuni accertamenti sul caso.

Il commento

«Il balestruccio - spiegano da Lipu Treviso - si trova in uno stato di conservazione precario, con trend di popolazione negativo. Tra le varie cause di questo declino vi sono condotte illegali, come quella sopra riportata. In qualità di uccelli che nidificano negli edifici, i balestrucci, esattamente come le rondini e le passere d’Italia sono nella categoria degli uccelli meritevoli di protezione e per legge i loro nidi non possono essere distrutti. I nidi degli uccelli sono tutelati da normativa vigente secondo quanto previsto dall’articolo 21, comma 1, lettera o), della Legge n. 157 del 11 febbraio 1992, nonché dall’articolo 635 del codice penale, e che il maltrattamento di animali è punito dall’articolo 544 ter del codice penale» concludono dall'associazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Distrugge un nido di balestrucci, denunciato dai vicini: «Non era la prima volta»

TrevisoToday è in caricamento