rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca Mogliano Veneto

Scritte contro la polizia sul muro dell'abbazia: presi i vandali

Si tratta di quattro minorenni, età compresa tra i 16 e 17 anni, e un maggiorenne. Denunciati anche i compagni che li hanno aiutati nel blitz, non solo chi ha realizzato le scritte sul muro. A individuarli sono stati gli agenti della polizia locale

In meno di un mese sono stati individuati i vandali che, tra il 22 e il 23 marzo, hanno vandalizzato lo storico muro dietro l'abbazia di Santa Maria Assunta a Mogliano Veneto con scritte che inneggiavano all’odio contro le forze di polizia.

Come riportato da "Antenna 3", i responsabili sono quattro minorenni di età compresa tra i 16 e 17 anni, e un maggiorenne. Tra loro ci sono sia giovani italiani che stranieri, tutti denunciati: non solo chi ha realizzato materialmente le scritte, ma anche i ragazzini che hanno contribuito al vandalismo, passando le bombolette. Le indagini condotte dalla polizia locale sono riusciti ad assicurare i baby vandali alla Giustizia nel giro di poche settimane nonostante il loro tentativo di non farsi scoprire girando la telecamera di videosorveglianza dell'abbazia prima di entrare in azione. Gli occhi elettronici del circondario li hanno però immortalati sia mentre ai apprestavano a compiere l'atto vandalico sia mentre se ne andavano dal luogo del misfatto. Il gruppo di baby vandali sarebbe stato già noto alle forze dell'ordine e le famiglie erano già state avvisate. Ora, per i responsabili, è scattata la denuncia al tribunale dei minori e al tribunale ordinario con l'accusa di imbrattamento e l'aggravante di aver preso di mira un muro tutelato della Sovrintendenza dei Beni Culturali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scritte contro la polizia sul muro dell'abbazia: presi i vandali

TrevisoToday è in caricamento