menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sport per tutti: il Comune di Mogliano sostiene le famiglie a basso reddito

Nuovo strumento di welfare comunale: 50 mila euro e un bando per l’iscrizione a società firmatarie del “Manifesto dello sport”

MOGLIANO VENETO Garantire a tutti la possibilità di praticare lo sport a Mogliano e sostenere le società sportive che promuovono attività a scopo sociale. Sono questi gli obiettivi del progetto “Diritto allo sport” del quale la giunta moglianese ha approvato nell’ultima seduta le linee guida, dopo aver stanziato 50 mila euro nel bilancio 2018 per la sua concreta realizzazione. “Il valore sociale dello sport è riconosciuto universalmente e questo vale per i giovani come per i disabili e gli anziani, ma le difficoltà economiche in cui versano alcuni nuclei familiari spesso fa diventare un lusso superfluo quello che è un diritto, come intende ribadire il nostro progetto. Sport per tutti, sport come momento di inclusione sociale, sport che dia ai giovani meno fortunati e attiva”, commenta Carola Arena, Sindaco di Mogliano.

L’Amministrazione moglianese con questo progetto ha voluto ampliare le proprie politiche di welfare, ritenendo lo sport uno strumento di inclusione, coesione sociale e di promozione del benessere psico-fisico. “Il nostro sostegno andrà esclusivamente alle società sportive che hanno siglato o lo faranno in futuro, il nostro manifesto dello sport. Lo hanno fatto in una trentina lo scorso settembre alla festa dello sport, per condividere i valori che appartengono al mondo sportivo, primo tra tutti proprio il diritto alla pratica di un’attività che faccia crescere i ragazzi assieme agli altri ragazzi nel fisico ma soprattutto come donne e uomini”, commenta l’Assessore allo sport Oscar Mancini. Comunque un modello di vita e di relazioni importanti per l’affermazione di una cittadinanza consapevole Nello specifico, il progetto è rivolto ai minori residenti nel comune di Mogliano Veneto, di età compresa tra i sei e i 18 anni, appartenenti a famiglie a basso reddito documentato dal modello ISEE (inferiore o superiore ai 16 mila euro), individuati mediante avviso pubblico.

I beneficiari dovranno iscriversi alle società sportive che sottoscrivendo il manifesto hanno aderito al progetto, di cui sarà fornito l’elenco. Ciascun ragazzo potrà scegliere una disciplina, quella che più gli piace. Saranno agevolati i nuclei familiari con ISEE più basso, con contributi pari al 100% per redditi inferiori ai 16 mila euro e al 75% per redditi superiori. A parità di ISEE saranno agevolati i nuclei con maggior numero di figli minori, a parità di numero di figli gli appartenenti a nuclei mono genitoriali. I contributi andranno direttamente alle società a coprire le spese della retta di iscrizione, con doppia certificazione da parte delle società e delle famiglie per avere la sicurezza che saranno utilizzati solo per lo scopo previsto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento