Anche Mogliano vara un regolamento per sale slot e sale scommesse

Il piano prevede il divieto di aprire nuove sale nei pressi di scuole, palestre, sedi associative e luoghi di culto. Per ora non è prevista nessuna limitazione oraria

MOGLIANO VENETO Il Consiglio Comunale di Mogliano Veneto, nella seduta di martedì sera, ha approvato il regolamento attraverso il quale normare la dislocazione di sale giochi, sale scommesse e apparecchiature che prevedano vincite in denaro. Un provvedimento che va sulla falsariga di interventi in questo settore già portati avanti da altre amministrazioni comunali, come Spresiano.

“L’intento della nostra Amministrazione – ha spiegato il Sindaco, Carola Arena – non vuole essere quello di reprimere semplicemente un fenomeno che, purtroppo, sta producendo non pochi contraccolpi sociali, ma di costruire un contesto che, anche da questo punto di vista, contenga i valori forti della nostra comunità. Mogliano, infatti, è una Città che vuole crescere e intende consentire a tutti di trovare proprio qui le giuste condizioni di vita sapendo di poter contare su risposte efficaci e su regole certe capaci di mettere al riparo, anche i più giovani, da situazioni sgradevoli o di devianza.”

Nello specifico, il regolamento fissa le caratteristiche che devono avere i locali all’interno dei quali aprire nuove sale gioco, anche nel caso in cui l’autorizzazione sia di competenza della Questura. Inoltre sono stati individuati i cosiddetti “siti sensibili” – come ad esempio le scuole, le palestre, sedi associative, luoghi di culto – nei pressi dei quali non possono essere aperte sale scommesse, sale giochi o istallati apparecchi dentro altre attività commerciali. Per ora non è stata posta nessuna limitazione oraria al gioco come previsto da regolamenti adottati da Comuni come Treviso e Spresiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La nostra amministrazione – ha aggiunto il Sindaco – intende guardare al futuro con determinazione: in questo senso siamo convinti che sia per motivi sociali sia per una riqualificazione complessiva, anche commerciale, del nostro territorio, questo tipo di attività non possano trovare spazio nei centri. Siamo certi che una Città come la nostra abbia il dovere di investire in termini di qualità, rilancio, valori e sicurezza: tutti fattori determinanti per crescere sia come comunità sia in termini di attrattività, quindi sviluppo e benessere collettivo.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Tragedia in A27: perde il carico, scende a recuperarlo ma viene travolto

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Malore fatale, operaio trovato morto in casa a 42 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento