rotate-mobile
Cronaca Mogliano Veneto

La sala slot non aprirà, Mogliano vince la battaglia al Consiglio di Stato

Il sindaco Arena: "Attraverso un importante lavoro di analisi abbiamo stabilito l’elenco dei cosiddetti centri sensibili e stabilito che attività che prevedano vincite in denaro potessero trovare spazio soltanto al di fuori di un’area definita attraverso un raggio di 500 metri"

MOGLIANO VENETO La Città di Mogliano Veneto si conferma tra le prime in Italia ad aver adottato un regolamento attraverso il quale, andando oltre la semplice prassi delle ordinanze, regolamentare l’eventuale ubicazione di sale slot e scommesse sul territorio comunale. Attraverso questo importante atto amministrativo è stata scongiurata, anche, l’eventuale apertura della sala scommesse di via Roma. Il titolare di quell’attività - dopo aver presentato, perdendolo, ricorso al TAR – si è rivolto al Consiglio di Stato che, a sua volta, ha confermato la bontà dell’azione intrapresa dall’Amministrazione Arena confermando la piena legittimità del regolamento adottato.

“Le ludopatie – esordisce il Sindaco, Carola Arena – rappresentano una piaga sociale di prima grandezza e la nostra Amministrazione ha scelto di contrastarle attraverso un regolamento che, a differenze delle singole ordinanze, rappresentasse una risposta strutturale e, che al tempo stesso, lanciasse un preciso monito: a Mogliano non vogliamo che questo tipo di attività trovino spazio vicino ai centri sensibili.” “Attraverso un importante lavoro di analisi – continua Arena – abbiamo stabilito l’elenco dei cosiddetti centri sensibili e stabilito che attività che prevedano vincite in denaro potessero trovare spazio soltanto al di fuori di un’area definita attraverso un raggio di 500 metri. Per ciò che concerne il nostro territorio, dunque, le uniche possibilità previste dal nostro regolamento sono quelle rappresentate dalla SPZ e in parte dell’ex SAPIM.”

“Siamo molto soddisfatti – conclude il Sindaco di Mogliano Veneto – di questo pronunciamento del Consiglio di Stato che, di fatto, riconosce in modo solenne e incontrovertibile la legittimità del nostro operato su di un tema tanto delicato. Dopo questa sentenza ci auguriamo siano molti i Comuni a dotarsi di questo tipo di strumento.”  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sala slot non aprirà, Mogliano vince la battaglia al Consiglio di Stato

TrevisoToday è in caricamento