menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore Liana Manfio alla conferenza stampa di R-Esistenze

L'assessore Liana Manfio alla conferenza stampa di R-Esistenze

Festa della donna e violenza, due giornate di approfondimento a Treviso

Alla luce dei dati emersi dal monitoraggio degli episodi di violenza domestica e di genere, l'Associazione Dipingiamoci di Donna, in collaborazione con gli enti del territorio, ha organizzato un convegno e performance artistiche

TREVISO - Oltre 140 richieste di intervento per violenza domestica in meno di un anno e più di 200 donne agli sportelli del Telefono Rosa nel 2013: sono i dati emersi dall'approfondimento condotto dall'associazione Dipingiamoci di Donna, coinvolgendo il Lions Club di Treviso, la Cooperativa "Una casa per l’Uomo", gli operatori di strada delle Parrocchie di Treviso (con la Cooperativa Servire), l’Azienda Ulss 9, il Comune di Treviso, e il gruppo Recomensamos.

I DATI - Secondo i dati di un monitoraggio effettuato dall’Osservatorio Nazionale Violenza Domestica, sul territorio di Treviso tra settembre 2010 e giugno 2011, sono pervenute ai carabinieri 141 richieste di intervento per situazioni di violenza domestica. Numeri che solo in minima parte rappresentano i casi di violenza nel trevigiano.

Li completa quanto riferito dal “Telefono Rosa” di Treviso, che ha chiuso il 2013 con 205 donne, 165 italiane e 40 straniere, che fisicamente si sono presentate negli spazi dell’associazione, senza contare il numero di consulenze telefoniche.

Dall’analisi e dal confronto su questi elementi è scaturita la necessità di agire sul territorio, fornendo strumenti di informazione e prevenzione per anticipare o interrompere le dinamiche della violenza di genere. Un lavoro che non si limiti alla componente femminile ma che coinvolga, proprio nell’ottica di un’azione preventiva, anche il sesso maschile. La violenza di genere è un problema socio-culturale, pertanto il cambiamento deve partire trasversalmente, coinvolgendo uomini e donne insieme.

R_ESISTENZE - A partire dai dati raccolti, l’Associazione Dipingiamoci di Donna ha condotto una serie di incontri che ha portato alla realizzazione di un “Report” conclusivo che ha coinvolto vari enti del territorio e associazioni. "Oltre l’8 Marzo, r-Esistenze / Incroci di Prospettive" è frutto di questa collaborazione e dell’ulteriore coinvolgimento di altre realtà sociali e artistiche del territorio per una due giorni di approfondimento sulla violenza di genere.

Il programma si svilupperà sabato 8 e domenica 9 marzo, con un convegno cui seguirà un concerto e performance artistiche in vari luoghi della città, mentre alcune associazioni attive sul territorio saranno presenti con tavoli informativi.

E’ il mio primo 8 marzo da Assessore ai Servizi Sociali e sono felice di tenere a battesimo un calendario così ricco e differenziato – ha commentato Liana Manfio, assessore Politiche Sociali del Comune di Treviso, alla conferenza stampa di presentazione – Apprezzo la collaborazione tra le associazioni, credo che la vera sussidiarietà debba essere sperimentata con iniziative come questa. Affrontiamo il tema della violenza di genere sotto diversi punti di vista, sfaccettature e sensibilità”.

Informare sul delicato tema della violenza di genere è essenziale. Spesso le informazioni ci arrivano solo dalle forze dell’ordine o dagli ambiti sanitari, ma sono sempre parziali – ha aggiunto Anna Simioni, dell'associazione Dipingiamoci di Donna - Negli incontri che hanno portato a questa due giorni e alla stesura del Report, abbiamo incontrato uomini e donne, ascoltato il loro vissuto, aiutati a riconoscere comportamenti devianti e violenze subite. E’ necessario fornire dati e stimoli chiari sia alle donne che agli uomini per interpretare le situazioni pericolose ma soprattutto per prevenirle. Ci sono molte violenze invisibili, da quella psicologica a quella economica, da quella comportamentale fino ad arrivare a quella fisica, più evidente. La cosa che più conta è la consapevolezza, che aumenta solo se aiutati a riconoscere i comportamenti a rischio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento