rotate-mobile
Cronaca Montebelluna

Rende la vita impossibile ad un coppia di vicini, un 60enne finisce davanti al giudice

La donna, residente a Montebelluna, ha ottenuto l'ammissione al rito abbreviato, condizionato all presentazione, da parte del difensore, delle cartelle cliniche che comproverebbero i suoi problemi di salute mentale

Una coppia vittima della furia di una 60enne che, per ragioni di vicinato, si è accanita contro i due, anche loro 60enni. «Attenti al padrone di casa» aveva scritto su un cartello apposto fuori dall'appartamento di marito e moglie che, esasperati, hanno deciso di denunciarla per lo stalking.

Ma la donna, residente a Montebelluna dove sono avvenuti i fatti, starebbe facendo i conti con una condizione mentale che l'avrebbe anche portata, un paio di anni fa, a essere sottoposta ad un trattamento sanitario obbligatorio. Così oggi, 15 marzo, il suo difensore (l'avvocato Francesco Tartini, mentre le vittime, costituite come parte civile, sono rappresentate dall'avvocato Roberta Canal) è riuscito a farla ammettere al giudizio in abbreviato, condizionato alla produzione delle cartelle cliniche, di fronte al gup Gianluigi Zulian.

I fatti si sarebbero svolti tra l'autunno del 2019 e l'estate del 2020. «Fra compravendite abusive» diceva ai vicini a rigardo dell'uomo, mentre alla coppia riservava frasi molto più ad "effetto". «Ho un bel coltello con una lama lunghissima ed affilata e ve la faro provare nei muscoli», era il tono delle sue minacce, condite da comportamenti decisamente "poco condominiali", come ad esempio provocare rumori molesti nel cuore della notte.

«Ho anche - millantava - una bella calibro 38 che colpisce bene in mezzo agli occhi». I due 60enni per un po' hanno sopportato, poi invece hanno deciso di sporgere denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rende la vita impossibile ad un coppia di vicini, un 60enne finisce davanti al giudice

TrevisoToday è in caricamento