menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Palermo capitale della cultura, finito il sogno di Montebelluna

Il sindaco Marzio Favero: "Con la candidatura abbiamo portato a casa tre risultati: far conoscere Montebelluna a livello nazionale e i valori sociali e culturali che essa esprime come città-impresa"

MONTEBELLUNA “Con l'assessore alla Cultura Debora Varaschin ho partecipato alla cerimonia di proclamazione della Capitale della Cultura 2018, avvenuta oggi a Roma e, dico la verità, siamo onorati che Montebelluna si sia trovata a far parte di un'ottima compagnia e di essere presente nella fase finale di un concorso che ci ha visto assieme a città d'arte di fama internazionale. Basti pensare a Trento con le sue istituzioni museali innovative, come il Muse, o a Ercolano, una delle città archeologiche più importanti al mondo. I nostri complimenti alla Città di Palermo, forse la vincitrice più attesa data la portata del suo patrimonio culturale, e che è stata designata ad essere la Capitale della cultura per il 2018. Con la candidatura di Montebelluna abbiamo portato a casa tre risultati: far conoscere Montebelluna a livello nazionale e i valori sociali e culturali che essa esprime come città-impresa. Credo che questo sia un risultato notevole per un territorio rappresentato troppo spesso come grigio e ripiegato su lavoro e schei. Al riguardo ringrazio di cuore la Commissione nazionale che ha voluto e saputo valorizzare la cifra originale espressa da Montebelluna pagando il prezzo di qualche critica, e che ha riconosciuto, con coraggio, il valore della candidatura di una città outsider. La stessa Commissione, nelle motivazioni con cui ha selezionato le dieci città della shortlist, ha spiegato di aver premiato la visione della cultura come fondamento rigenerativo delle politiche per le città. Poiché questa motivazione è la chiave della candidatura di Montebelluna, si comprende perché la nostra città sia stata ammessa a sorpresa tra le finaliste. In secondo luogo, grazie a questa partecipazione, entriamo nella rete della Città italiane della cultura, una rete che ci dà nuove opportunità di collaborazione e di crescita in ambito nazionale grazie al lavoro del Ministero. Nei rapidi scambi tra noi sindaci oggi a Roma è emerso il desiderio di coltivare i rapporti tra le nostre città, per affrontare con consapevolezza e in logica di collaborazione le sfide del rinnovamento culturale. Il terzo risultato, importantissimo, è che per affrontare la sfida abbiamo costruito un piano di lavoro nell'ambito culturale che mette in rete pubblico e privato come lo Iuav di Venezia, l'Università di Padova, il Ciset (Centro Internazionale Studi Economia Turistica), InfineArea. Non abbiamo speso un soldo perché tutto è stato realizzato in casa, all'interno di una progettualità condivisa con i Comuni e le associazioni di categoria che appartengono all'IPA. Del resto è partecipando a sfide come queste che si fa crescere un territorio e si dà ad esso identità e competitività. Ringrazio i cittadini montebellunesi, ma anche i molti amici sindaci, assessori e rappresentanti culturali che in questo mese ci sono stati vicini, tifando per noi. Come avevo detto all'inizio di questa avventura e torno a ripetere, ci sono sfide che vanno colte non solo e non tanto per il traguardo finale, ma per il percorso che si compie, come in questo caso. Ringrazio il personale del Comune, le direttrici di Biblioteca e Museo, Alda Resta e Monica Celi, ed i loro collaboratori per il lavoro di qualità fatto in tempi record anche nelle ore notturne e nel week end.”

Marzio Favero, sindaco di Montebelluna

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento