rotate-mobile
Cronaca Montebelluna

Garage razziato, bottino di 5mila euro: ladro incastrato dalle telecamere

L'episodio è avvenuto nella notte tra lunedì e martedì a Montebelluna. Vittima del furto un 36enne, sparita una mountain bike con navigatore satellitare, una borsa con un pc portatile ed un telefono cellulare. Il responsabile del furto è un 31enne nordafricano, refurtiva recuperata a a casa di un'amica 21enne

Osservando con attenzione le immagini delle telecamere di videosorveglianza che avevano immortalato la razzia messa a segno all'interno di un garage di Montebelluna da parte di un ignoto ladro, non hanno avuto nessun dubbio. Era una faccia nota e in pochi secondi hanno capito di chi potesse trattarsi. Grazie alla brillante intuizione di due carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Montebelluna e alla rapida collaborazione fornita della vittima del furto agli stessi militari, il "topo d'appartamento", presunto responsabile di un furto in abitazione commesso nella notte tra lunedì e martedì, verso le 4, nel centro della Pedemontana, è stato identificato.

Nella prima mattinata di martedì, infatti, un 36enne che doveva recarsi al lavoro ha subito avvisato i militari locali del furto subito e del danneggiamento del basculante del proprio garage da cui erano stati trafugati una mountain bike con navigatore satellitare e una borsa con un pc portatile ed un telefono cellulare. Dall’immediata visione delle immagini del sistema di videosorveglianza installato nei pressi dell'abitazione la pattuglia di carabinieri intervenuta sul posto riconosceva un 31enne nordafricano, con precedentispecifici e quindi ben noto agli operanti.

I militari quindi si mettevano subito alla ricerca dell’uomo, di cui sapevano abitudini e frequentazioni e proprio transitando davanti al cortile dell’abitazione di una conoscente dello stesso, in Montebelluna, i carabinieri hanno notato la bicicletta rubata. In casa, i militari dell’Arma rintracciavano la donna che vi dimorava, una 21enne originaria del bellunese, recuperavano anche il resto della refurtiva e raccoglievano ulteriori riscontri sulla scorribanda notturna.

L'intera refurtiva, del valore complessivo di circa 5mila euro, è stata restituita al legittimo proprietario, mentre la posizione della coppia, deferita in stato di libertà, è ora al vaglio dell’Autorità Giudiziaria, con la provvisoria contestazione, per l’uomo, di furto in abitazione, e, per la giovane indagata, del reato di ricettazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Garage razziato, bottino di 5mila euro: ladro incastrato dalle telecamere

TrevisoToday è in caricamento