Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Montebelluna

L'Aquila, fuga di gas: paura per don Giovanni Gatto

Il 37enne, originario di Montebelluna, è stato occorso e trasportato dagli operatori del 118 in ospedale dove è ricoverato con una prognosi di 20 giorni. Indagano i carabinieri

L'AQUILA È stato trovato dai Carabinieri semi svenuto nel suo alloggio del progetto Case della frazione aquilana di Tempera con la bombola del gas aperta: il parroco del popoloso centro, il 37enne Giovanni Gatto, originario di Montebelluna, è stato occorso e trasportato dagli operatori del 118 all'ospedale San Salvatore dove è ricoverato con una prognosi di 20 giorni. A dare l'allarme, secondo quanto si è appreso, è stata la perpetua, e alcuni abitanti preoccupati per l'odore di gas che fuoriusciva dall'abitazione. Sul posto si sono portati anche i vigili del fuoco. Varie le ipotesi al vaglio dei Carabinieri. Dal malfunzionamento della bombola, al tentato suicidio. Vicino al sacerdote, in queste ore, l'arcivescovo di L'Aquila, Giuseppe Petrocchi, che ha espresso solidarietà e vicinanza al giovane parroco. Don Giovanni Gatto nei mesi scorsi era balzato agli onori delle cronache per avere denunciato infiltrazioni della malavita organizzata e con minacce da parte della camorra nei suoi confronti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Aquila, fuga di gas: paura per don Giovanni Gatto

TrevisoToday è in caricamento