Incendia rifiuti speciali, 46enne condannato: ora è ai domiciliari

Un anno e otto mesi inflitti ad un cittadino marocchino residente nel montebellunese. L'episodio risale al marzo 2017. Domenica i carabinieri hanno notificato allo straniero il provvedimento

L'uomo è stato catturato dai carabinieri

Ieri pomeriggio, poco dopo le 16, i carabinieri della stazione di Montebelluna ha eseguito ad una ordinanza di custoria caustelare agli arresti domiciliari nei confronti di un 46enne marocchino. Lo straniero, con numerosi precedenti penali alle spalle, deve espiare una pena di un anno e otto mesi per aver commesso reati ambientali nel marzo 2017 e per la quale procedeva dipendente nucleo operativo dei carabinieri di Montebelluna. Il 46enne gestiva illecitamente rifiuti speciali che poi ha tentato di distruggere, dandogli fuoco, per evitare ulteriori guai con le forze dell'ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, disperso un ragazzo

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento