Cronaca

Schiacciato del carico di una gru, la Procura indaga altre sei persone

Oltre ad Andrea Gasparetto, 42enne legale rappresentante della Altedil e Gianantonio Bordignon, 55 anni, titolare del cantiere edile "Costruzioni Bordignon" dove Mattia Battistetti ha perso la vita lo scorso 29 aprile, sono stati iscritti con l'accusa di omicidio colposo l'operatore della gru dalla quale si è staccato il carico, il delegato alla sicurezza, il coordinatore alla sicurezza, il costruttore bolognese della gru e il manutentore

Mattia Battistetti, l'operaio di 23 anni morto schiacciato dal carico staccatosi da una gru

Salgono a otto gli indagati per la morte di Mattia Battistetti, l'operaio di 23 anni della ditta Altedil di Trevignano morto il 29 aprile scorso schiacciato da un bancale di 15 quintali staccatosi da un gru nel cantiere in cui stava lavorando.

La Procura di Treviso, oltre ad Andrea Gasparetto, 42enne legale rappresentante della Altedil e Gianantonio Bordignon, 55 anni, titolare del cantiere edile "Costruzioni Bordignon" dove il giovane ha perso la vita, ha indagato con l'accusa di omicidio colposo altre sei persone. Si tratta dell'operatore della gru dalla quale si è staccato il carico che ha travolto Battistetti, il delegato alla sicurezza, il coordinatore alla sicurezza, il costruttore bolognese della gru e il manutentore. Sul dipositivo è stata disposta una perizia che sarà effettuata nei prossimi giorni.

L'incidente era avvenuto quando l'enorme peso, rappresentato da un carico di impalcature che erano agganciate  e stavano per essere calate per essere installati su un'abitazione in costruzione, si è improvvisamente staccato per la rottura del cavo.  Mattia Battistetti è morto sul colpo, sotto lo sguardo scovolto di una collega che si trovava a pochi passi da lui.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schiacciato del carico di una gru, la Procura indaga altre sei persone

TrevisoToday è in caricamento