menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Claudia Augusta: un'occasione per il turismo a Montebelluna

Il Comune di Montebelluna ha aderito all'associazione "Via Claudia Augusta", con sede nel feltrino, per accogliere i turisti stranieri

MONTEBELLUNA Il Comune di Montebelluna ha recentemente aderito all’associazione “Via Claudia Augusta”, promotrice del turismo locale tramite l’antica Via Romana che dalle pianure del Po e dall’Adriatico portava fino al Danubio, rappresentando un ponte tra le il popolo romanico e quello germanico. L’Associazione con sede ha Feltre sta infatti portando avanti l’interessante progetto “Claudia Augusta Altinate” che, in sinergia con le omonime associazioni di Germania ed Austria, punta a far cooperare le realtà istituzionali, alberghiere, ricettive ed economiche per una azione coordinata di richiamo e valorizzazione turistica lungo il percorso dell’antica via romana. Il tratto interessato parte da Trento e, attraverso la Valsugana e l'altopiano del Tesino, giunge prima a Feltre e poi, dal passo Praderadego scende nell'ampia pianura veneta, attraversando la patria del Prosecco, fino a raggiungere il museo dell'antico porto romano Altinum, ad Altino.

Montebelluna, pur non appartenendo in senso stretto alla Via Claudia Augusta, rappresenta uno dei territori contigui con il corridoio del percorso ed i benefici, sia dal punto di vista turistico che culturale, sono promettenti. “In un’ottica di promozione del territorio a 360 gradi – commenta l’assessore Adriano Martignano - l’adesione all’associazione  appare un’ottima opportunità per concretizzare le iniziative legate al passaggio di turisti provenienti dalle nazioni poste a Nord del Veneto, che attraverso il passaggio lungo l’asse storico ciclistico, potranno accedere alle offerte di eccellenze enogastronomiche, turistico-ricettive, e di produzione sportiva, tipiche del Montebellunese. Rientra in questa stessa logica anche la volontà, assieme agli enti territoriali locali, di realizzare in futuro un percorso cicloturistico lungo il Piave”.

“E’ giusto agganciarsi a questo progetto transnazionale perché nella parte tedesca e austriaca ha già assunto una configurazione importante generando un’economia turistica vera – dichiara il sindaco, Marzio Favero - Si tratta di un asse storico sul quale, per il versante veneto, la provincia di Treviso ha commissionato uno studio estremamente importante condotto dall’archeologo trevigiano Vittorio Galliazzo. Il fascino per la romanità trasforma il progetto Claudia Augusta in un vettore ideale per il turismo culturale, soprattutto di matrice tedesca. E’ opportuno che anche Montebelluna, dai forti valori anche archeologici, possa entrare in questa squadra di livello europeo. Ci sarà molto da lavorare. Ci saranno difficoltà da affrontare per mettersi in linea coi partner stranieri, ma è un’ottima sfida nella quale vorremo coinvolgere, oltre il museo di Montebelluna, anche i giovani che studiano storia e archeologia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Notizie

Bollo auto 2021: il Veneto proroga la scadenza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento