menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montelvini porta al Vinitaly di Verona i Cento Orizzonti dell'Asolo Prosecco Superiore Docg

L'azienda trevigiana punterà su uno stand innovativo e coinvolgente che racconterà il territorio asolano come mai prima d'ora (Padiglione 4 - Stand E6)

VOLPAGO DEL MONTELLO Il verde, le vigne e l’antica Rocca che domina il profilo delle colline. Sarà Asolo, ambasciatrice d’arte silenziosa e preziosa, a dare il benvenuto ai visitatori dello stand Montelvini al Vinitaly 2017. È in questo territorio, infatti, che da oltre 135 anni la famiglia Serena lavora per produrre vini di qualità, la stessa qualità che già nel Medioevo era riconosciuta ai vini di queste zone, tanto da essere sottoposti ad una tassazione più alta rispetto agli altri prodotti enologici della regione. Una tradizione d’eccellenza che prosegue ancor oggi grazie all’impegno di Montelvini, realtà aziendale tra le più dinamiche nella promozione dell’Asolo Prosecco Superiore DOCG.

Ed è proprio in questo scrigno di storia, da sempre incorniciato da rigogliosi vigneti che sono parte integrante della tradizione culturale asolana, che nasce la punta di diamante della produzione Montelvini: l’Asolo Prosecco Superiore DOCG Millesimato Extra Brut Serenitatis, ambasciatore di una delle tipologie più sorprendenti nel mondo Prosecco. La denominazione dell’Asolo è infatti l’unica che può vantare nel disciplinare la versione Extra Brut, tipologia nella quale Montelvini crede da sempre.

Un’etichetta, l’Asolo Prosecco Superiore DOCG Millesimato Extra Brut Serenitatis, che porta in sé l’anima della “città dai cento orizzonti” e che per questo a Vinitaly avrà un palcoscenico d’eccezione: l’intero stand Montelvini, infatti, sarà dedicato al territorio di Asolo, alle sue peculiarità pedoclimatiche e agli incredibili panorami offerti da queste terre. Un racconto in tre dimensioni, quello che si svilupperà alla fiera di Verona, grazie a proiezioni, giochi di luce, suoni, colori e gli inebrianti profumi dei vini che saranno il filo conduttore di una narrazione senza eguali nel mondo enologico. Uno spazio in cui il visitatore potrà vivere e condividere il senso di appartenenza al territorio e il rispetto dell’equilibrio della terra che sono, per Montelvini, un valore ed un impegno costante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento