Era l'anima del Ristorante Menegaldo: Bertilla si spegne a soli 5 mesi dalla morte del marito

A portala via alla vita a 82 anni, nella nottata di sabato, un infarto improvviso mentre si trovava in casa. Solo poche ore prima era come sempre in cucina con la sua brigata

Bertilla Fregonese in Menegaldo

Una perdita improvvisa e quantomai dolorosa: a 82 anni Bertilla Fregonese si è spenta a causa di un infarto che l'ha colpita nella notte tra venerdì e sabato mentre si trovava in casa. Notissima ristoratrice trevigiana, titolare con il marito Franco Menegaldo (scomparso purtroppo a maggio scorso) dell'omonimo ristorante di Monastier, è deceduta poche ore dopo aver lasciato la sua cucina e la brigata a fine servizio e dopo aver salutato le figlie.

Persona amabile e apprezzata da tutti, sia amici che clienti, negli anni si era specializzata nella cura del miglior pesce fresco dell'Adriatico, cucinato in modo classico secondo la miglior tradizione veneta. Bertilla lascia  le figlie Patrizia, Rosanna e Stefania, i generi, i nipoti Caterina, Antonio, Francesca e Agnese e le sorelle. I funerali avranno luogo martedì 27 ottobre partendo dall’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso alle ore 10.20 per poi recarsi alla Chiesa Abbaziale di Monastier alle 11. Dopo la celebrazione il corteo proseguirà per il Cimitero di Monastier, mentre lunedì alle ore 19.30 verrà recitato il Santo Rosario in Chiesa a Monastier. La famiglia non chiede fiori, ma eventuali offerte saranno devolute a favore dell’ADVAR.

122448959_3695034510548102_6479476059366088967_o-2

menegaldo-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

  • Assembramenti da happy hour in piazza Giorgione: «Sembrava di essere a Jesolo»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento