Lutto alla Questura di Venezia: muore a soli 54 anni la trevigiana Ornella Antonini

La donna aveva lavorato all'Ufficio Relazioni Esterne e alla Segreteria del Questore. Lascia il marito e due giovani figli. A portarla via alla vita una lunga malattia

Ornella Antonini

SILEA E’ mancata mercoledì mattina Ornella Antonini, 54 anni e Collaboratore Tecnico Capo della Polizia di Stato in servizio alla Questura di Venezia. Originaria della cittadina di San Michele al Tagliamento, era entrata a far parte della polizia nel 1987, per poi diventare Agente in prova l’anno successivo. Destinata in prima assegnazione alla Questura di Milano, ha lavorato alla Sala Operativa della Questura meneghina fino all’aprile 1991, quando ottenne il trasferimento alla Questura di Venezia.

Nel capoluogo veneto ha prestato servizio al centralino, per poi passare alla Sala Operativa 113 e infine presso l’Ufficio Relazioni Esterne – U.R.P., evidenziando forti doti umane e sociali. Dal 2014 ha poi lavorato a stretto contatto con il Questore, essendone diventata la responsabile della Segreteria particolare. Nel 2010 però la scoperta di una grave malattia che ha combattuto con estremo coraggio nel corso di sei lunghi anni, ma che alla fine non le ha lasciato scampo. Donna, mamma e poliziotta forte, è stata combattiva fino all’ultimo istante della sua lunga malattia, soprattutto nella sua casa di Silea dove risiedeva insieme al marito Marco e ai due figli, Giada di 23 anni – studentessa universitaria - e Nicolò di 21, occupato nei servizi di ristorazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Persona conosciutissima sia all’interno della Polizia di Stato che al di fuori dell’Amministrazione, era impossibile non apprezzarne la schiettezza e la contagiosa allegria che caratterizzava il suo modo di essere e di lavorare, distinguendosi anche per un ritmo di lavoro davvero non comune. La sua scomparsa ha trovato increduli colleghi e conoscenti, lasciando una sensazione di vuoto e costernazione in ciascuno. Tutto il personale della Questura di Venezia e della Polizia di Stato della provincia è vicino al dolore della famiglia. I funerali sono previsti presso la chiesa parrocchiale di Sant’Elena di Silea venerdì alle ore 16.30, con partenza dall’ospedale Cà Foncello di Treviso alle 15.30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento