Cronaca

Lutto nel tennis veneto: a poche ore di distanza muoiono Basso e Barusco

L'ex arbitro e l'ex giocatore lasciano un vuoto incolmabile tra il veneziano ed il trevigiano

Basso con gli Under16 Bonora e Marcella

Gli arbitri di tennis sono in lutto per la scomparsa del decano Bruno Basso. «Da un lustro non presenziava più alle competizioni ufficiali, ma non disdegnava comunque di fare ogni tanto una capatina sui rossi da lui diretti per una quarantina d’anni. Basso aveva iniziato nel veneziano come arbitro di sedia per poi trasferirsi nel trevigiano. In seguito all’affievolirsi delle sue prestazioni arbitrali dalla sedia, ha messo a disposizione la sua esperienza tra gli Ufficiali di Gara dirigendo parecchie competizioni anche di livello nazionale, in particolare il torneo di Pasqua che si svolgeva presso l’ex Sporting Zambon». Così lo ricorda Giuliano Ferro, il responsabile degli arbitri trevigiani che è stato il primo a dare la funesta notizia

«Se n’è andato ad 80 anni, ma quasi tutti trascorsi nel mondo del tennis dove ha lasciato molti amici e conoscenti - ha poi sottolineato anche Loredana Venturini, ex delegata Fit ed ufficiale di gara ancora in attività - Molti i giovani tenuti a battesimo da Basso, che era sempre pronto a complimentarsi con i vincitori ma anche a cogliere una parola di consolazione ed una pacca sulla spalla per gli sconfitti. Riusciva a conciliare tutti con la sua rassicurante presenza e disponibilità, nonché a dirimere le controversie che grazie all’agonismo si palesavano in campo». L’ultimo saluto per Basso è previsto per giovedì 17 alle ore 10.30 nella Chiesa di Sant’Antonio a Marghera (VE).

Le brutte notizie, però, continuano purtroppo anche con la scomparsa in simultanea di Giuseppe Barusco, altro noto giocatore veneziano molto conosciuto nelle società trevigiane “di confine”. Barusco faceva infatti parte della squadra over 70 della Canottieri Mestre.

Nel frattempo, a causa del Covid, con una nota il Coni ha limitato le competizioni “regionali”, stroncando quasi tutti i rodeo ed i tornei di quarta e terza categoria, lasciando le porte aperte solo agli Open con montepremi e quindi niente torneo di 4^ a Vedelago. Dunque, la stagione tennistica nel breve termine andrà ripensata in chiave Open.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lutto nel tennis veneto: a poche ore di distanza muoiono Basso e Barusco

TrevisoToday è in caricamento