Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Morto a 74 anni Alberto Caberlotto, fondatore della Lotto Sport

Con i due fratelli Giovanni e Sergio aveva a lungo guidato l'azienda di Trevignano prima di cederla all'attuale proprietario Andrea Tomat. A portarlo via alla vita una lunga malattia

Alberto Caberlotto

Nella giornata di martedì si è spento a 74 anni Alberto Caberlotto, storico fondatore nel 1973 (insieme ai fratelli Giovanni e Sergio) della rinomata azienda di calzature sportive con sede a Trevignano, la Lotto Sport. Prematuramente scomparsi i due fratelli, Alberto diresse a lungo in autonomia la società, almeno fino a quando a fine anni '90 non venne ceduta ad una cordata di imprenditori guidati dall'attuale proprietario (ed ex dirigente dell'azienda), Andrea Tomat. Non solo Lotto però in famiglia, ma anche il marchio Caber che per un po' produsse scarponi da sci prima di essere venduto all'americana Spalding. Caberlotto, che è stato portato via alla vita da una lunga malattia, lascia nel dolore la moglie, i figli, i nipoti e tanti amici. Le esequie si terranno giovedì alle ore 15.30 presso il Duomo di Montebelluna. Per l'occasione la famiglia non chiede fiori ma opere di bene.

Il cordoglio dell'azienda

Lotto Sport Italia si unisce al dolore della famiglia Caberlotto per la perdita di Alberto Caberlotto. La notizia della sua scomparsa ha scosso profondamente i dipendenti e tutti coloro che lo hanno conosciuto e lo ricordano con affetto. «I 48 anni di storia di Lotto nascono dalla volontà di Alberto di fondare nel 1973, insieme ai fratelli Giovanni e Sergio, un’azienda che ha segnato la storia dello sport italiano e internazionale - ricorda Andrea Tomat, Presidente e Amministratore Delegato di Lotto Sport Italia - Quella di Alberto Caberlotto è stata una dichiarazione d’amore per lo sport e per il proprio territorio, che ha contribuito ad accrescere la fama del distretto industriale ad alta specializzazione di Montebelluna».

Nel 1973, anno di fondazione di Lotto, la produzione è partita con le scarpe da tennis. Poi si sono aggiunte in breve le linee da calcio, da pallacanestro e atletica e poi ancora l’abbigliamento ed il tempo libero. «Ho conosciuto Alberto quando ho iniziato la mia esperienza in Lotto da responsabile del marketing e delle sponsorizzazioni – continua Tomat - Un incontro che mi ha cambiato la vita portandomi a condividere la storia professionale personale con quella dell’azienda. Alberto era un visionario che guardava sempre avanti alla ricerca di nuovi traguardi. Ottimista di natura, sempre molto disponibile, si sintonizzava immediatamente con chi amava le calzature sportive, che per lui erano tutto. Fu lui a credere nella proposta che gli feci di disegnare la Stadio. Quella scarpa da calcio con il logo verde fece la storia dei mondiali del ’90 e, a distanza di oltre 20 anni, resta ancora un’icona. Rivederla ci ricorderà di Alberto e della sua storia, quella di un uomo che rimarrà nei cuori e nella mente di tutti quelli che lo hanno conosciuto.»

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto a 74 anni Alberto Caberlotto, fondatore della Lotto Sport

TrevisoToday è in caricamento