Si schianta con la moto in un fossato: artigiano 48enne muore dopo 8 giorni in ospedale

Giovedì scorso il terribile schianto in via Crispi a Cappella Maggiore. Originario di Sarmede, aveva aperto un'attività di elettricista a Nova Gorica (Slovenia)

Alberto Peruch

Dopo otto lunghi giorni di agonia in ospedale, nel pomeriggio di venerdì si è spento il 48enne Alberto Peruch. Originario di Sarmede, Peruch è deceduto a causa dei gravi traumi riportati in un incidente stradale avvenuto giovedì scorso lungo via Crispi a Cappella Maggiore. Quel giorno, infatti, l'uomo si trovava in sella alla sua Agusta Brutale 800 quando, forse a causa dell'asfalto scivoloso e della forte velocità sostenuta in un sorpasso, ha improvvisamente perso il controllo del mezzo andandosi così a schiantare fuori strada. Le sue condizioni erano subito apparse gravi, tanto da essere trasportato in urgenza con l'elisoccorso all'ospedale Ca' Foncello di Treviso dove poi è spirato. Artigiano elettricista nel settore della domotica ("mi occupo di progettare, preventivare, sviluppare e programmare un sistema o un impianto domotico" scriveva nel suo sito Internet), il 48enne aveva aperto in passato un'attività a Nova Gorica (Slovenia), ma aveva comunque mantenuto i contatti con la Marca. Lascia papà Sisto, il fratello Angelo e la sorella Roberta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento