Lutto al Tribunale: dopo una lunga malattia si è spento il giudice Girardi

Alessandro, 52enne di Castelfranco Veneto, era un magistrato di lungo corso. Dopo anni passati a Venezia, era poi diventato Giudice fallimentare nel Palazzo di Giustizia di via Verdi

Il Tribunale di Treviso

Un lutto improvviso ha colpito, nelle ultime ore, la giustizia trevigiana. Alla soglia di quasi 53 anni si è difatti spento Alessandro Girardi, Giudice delegato ai fallimenti presso il Tribunale di Treviso. Già Magistrato distrettuale per diversi anni a Venezia, aveva iniziato la carriera prima ad Acqui Terme (AL) e poi a Padova, mentre dal 2017 su sua richiesta era stato trasferito ufficialmente al Palazzo di Giustizia di via Verdi. Originario di Castelfranco Veneto, dove tutt'ora vive tutta la famiglia, Alessandro nell'autunno del 2015 aveva scoperto di essere affetto da una grave malattia che non gli ha lasciato scampo. Il 52enne infatti, dopo qualche giorni di ricovero urgente presso il nosocomio castellano, si è spento nelle ultime ore lasciando nel dolore i fratelli Domenico, Andrea e Raffaella, oltre ai tanti amici e colleghi che negli anni lo avevano sempre affiancato e incoraggiato nella sua brillante carriera professionale. Una vita, quella di Alessandro, segnata però anche dall'improvvisa scomparsa della moglie nel 2013, quella dott.ssa Roberta Marcon (ex nefrologa dell'Ulss 8) da cui prende il nome l'associazione in suo ricordo, la "Roberta Marcon - Donare è un Dono" di cui Alessandro era fondatore nonché Presidente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento