Cronaca Santa Maria del Rovere / Viale Vittorio Veneto

Alessandro Rossetti si è spento a soli 60 anni: era il vicepresidente di Lame Trevigiane

Conosciutissimo nel mondo dello sport trevigiano e della scherma nazionale, è stato portato via alla vita da un tumore che non gli ha lasciato scampo. Lascia una moglie e due figli

TREVISO Alessandro Rossetti si è spento a soli 60 anni, pochissimi giorni dopo il suo ultimo compleanno. Una dipartita, la sua, che lascia un vuoto incolmabile nel mondo dello sport trevigiano e nazionale, per un atleta appassionato da sempre alla scherma, tanto da gareggiare negli ultimi tempi nella categoria Master, oltre che portare in alto la società delle Lame Trevigiane (M° Ettore Geslao) della quale era Vicepresidente.

Sempre sorridente e pronto ad aiutare il prossimo, Alessandro oltre che atleta era anche uno stimato architetto specializzato in interior design, professione che aveva iniziato tanti anni addietro dopo la Laurea in Archiettura, con votazione di 110 e Lode, all'Università Ca' Foscari di Venezia. Dal 1986 al 1988 era stato poi in Benetton, mentre negli anni successivi ha firmato diversi progetti per aziende internazionali quali, ad esempio: Sisley, Blue Spirit, Miozzi, Villa Sandi, Tecnica, Stefanel, The North Face, North Sails, Trussardi, Calvin Klein, GAs, Lotto, Max Mara e Missoni Sport. Una carriera poi continuata anche come "Visiting Professor" al "CFH Institute of Lausanne" (Svizzera) e al "MIB School of Management" di Trieste, oltre che come General manager di Arredafrigo Australia e Indaco spa. A portarlo però via alla vita un tumore all'apparato digerente, già operato lo scorso anno con conseguente chemioterapia, ma tornato in auge negli ultimi tempi, tanto da non lasciargli scampo e portarlo alla morte nella notte tra martedì e mercoledì.

"Con grande tristezza annunciamo che è venuto a mancare Alessandro Rossetti, Vice Presidente e atleta delle Lame, padre della nostra atleta Fosca - ha scritto la dirigenza del cub in un post su Facebook - Lo vogliamo ricordare sempre attivo e propositivo, sempre disponibile a darsi da fare per migliorare la vita e la gestione dell’Associazione, anche negli ultimi tempi quando già lottava da leone contro la malattia. Ricordiamo la sua enorme passione per la scherma, comunicata in tante vivaci discussioni e nel supporto ai giovani atleti della società, di cui era grande tifoso e che sosteneva anche a fondo pedana se necessario. Ci piace ricordarlo quando con lui si percorreva in lungo ed in largo l’Italia e l’Europa per partecipare alle gare Master. Tutte le Lame si uniscono al dolore della moglie Cristina e dei figli Fosca  Jacopo, ai quali va in questo momento tutto il nostro affetto. Grazie Alessandro!". Ma sono veramente moltissimi i messaggi di cordoglio giunti alla famiglia e alla società appena la notizia della morte del 60enne si è sparsa in città e tra questi figura anche quello degli storici rivali della Scherma Treviso, anche loro con sede in Viale Vittorio Veneto: "Ci stringiamo alla famiglia e ai ragazzi e ragazze delle Lame. Facciamo fatica ad immaginare che non saliremo più le scale del CONI assieme. Ciao Alessandro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessandro Rossetti si è spento a soli 60 anni: era il vicepresidente di Lame Trevigiane

TrevisoToday è in caricamento