Spaventato dal cane dei vicini muore cadendo dalle scale: prosciolti i proprietari

Secondo il giudice Angelo Mascolo, Miguel Da Veiga e la compagna Matilde Alibosky non possono essere incolpati per la tragica morte di Luis Jefferson Gesualdo nel 2017

L'abitazione dove ha perso la vita Luis Jefferson Gesualdo

Non luogo a procedere. Questa la decisione del gup Angelo Mascolo nei confronti del 43enne Miguel Da Veiga (difeso dall'avvocato Silvia Biscaro) e della compagna 47enne Matilde Alibosky (difesa dall'avvocato Benedetta Bocchini), nei cui confronti il pubblico ministero Gabriella Cama aveva chiesto il rinvio a giudizio per omicidio colposo, al termine dell'udienza preliminare per i fatti del 23 aprile del 2017 quando nel condominio di Via Santa Bona perse la vita Luis Jefferson Gesualdo, caduto dal secondo piano oltre il corrimano, spaventato da un cane che era uscito ringhiando e abbaiando da uno degli appartamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma proprio quel parapetto, si legge nella consulenza disposta dal Gup Angelo Mascolo, era di circa 10 centimetri più basso di quanto previsto dalle norme di sicurezza. In attesa delle motivazioni, che arriveranno entro una decina di giorni, pare essere questo l'elemento decisivo che ha portato al proscioglimento dei proprietari del cane. Quel 23 aprile il 31enne, che qualche giorno prima era diventato papà per la prima volta, stava rincasando con il cognato 20enne dopo essere uscito a comperare le sigarette quando, mentre saliva le scale della palazzina, il cane “Lupa” uscì dall'appartamento dei proprietari. Il dominicano e il cognato parlavano ad alta voce, un po' su di giri per qualche bicchiere bevuto proprio per festeggiare il nuovo arrivo in famiglia; forse innervosito dal rumore l’animale, che aveva trovato la porta d'ingresso socchiusa, uscì fuori e iniziò a ringhiare contro il dominicano. Gesualdo era terrorizzato dai cani: la vista di "Lupa" e quel fare apparentemente aggressivo del cane lo impaurirono tanto che, convinto che il pastore tedesco stesse per scagliarsi addosso a lui, l'uomo indietreggiò tenendosi appoggiato al parapetto. Ma dopo un istante perse l'equilibrio, cadendo due piani più sotto e morendo praticamente sul colpo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento