menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

Claudio Scalambrin, 64enne di San Biagio di Callalta, si è sparato nella sua auto venerdì mattina. A breve avrebbe raggiunto la pensione, ma anche iniziato la chemioterapia

Si è tolto la vita a 64 anni Claudio Scalambrin, ex assessore a San Biagio di Callalta e fino a ieri dipendente di Piave Servizi. L'uomo, che viveva da solo, venerdì si è sparato all'interno della propria auto con la pistola con cui si allenava al poligono di Treviso. La notizia della sua morte è subito rimbalzata in tutto il comune, provocando tanta tristezza tra tutte le persone che lo conoscevano. A causare l'estremo gesto dell'uomo, che sarebbe presto arrivato alla pensione, è stato un cancro all'esofago diagnosticato poco tempo fa e per il quale avrebbe dovuto iniziare la chemioterapia nei prossimi giorni. Troppo grande però la paura per la sofferenza legata alla malattia, già in passato affrontata a causa di una neoplasia al colon. Come riportano i quotidiani locali, Scalambrin si è quindi tolto la vita all'improvviso, lasciando solo un biglietto al fratello con il quale da tempo non aveva più rapporti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Covid, 162 nuovi positivi e altri tre morti nella Marca

  • Attualità

    Vax Day per gli Over 80 nella Marca: «Oltre duemila vaccinati»

  • Cronaca

    Aggredisce una studentessa in bici: 44enne finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento