Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

La Marca piange Fabio Biasuzzi, storico imprenditore di cave e ippodromi

Il patron dell'omonima azienda trevigiana si è spento a 71 anni. Già vicepresidente di Banca Treviso, è stato tra i fondatori di Assindustria a Treviso, di cui è stato Consigliere e Presidente del Gruppo Estrattivo

Credit Il Gazzettino

"La perdita prematura di Fabio Biasuzzi è un grande lutto per la comunità imprenditoriale trevigiana ed esprimo a nome personale e di tutti i colleghi di Assindustria Venetocentro e del Gruppo Estrattivo Marmifero le condoglianze più sentite alla mamma, alla moglie e ai figli, al fratello Maurizio e a tutta la sua famiglia". A dirlo è Gianni Tonini, Presidente del Gruppo Estrattivo Marmifero di Assindustria Venetocentro. Biasuzzi è venuto a mancare nelle ultime ore all'età di 71 anni. Già vicepresidente di Banca Treviso, in passato è stato anche imprenditore nel settore turistico e nell'ambito dei cavalli tanto da esser stato a lungo presidente della Nordest ippodromi e dell’ippodromo di Treviso. Lascia la moglie Laura,i tre figli Beatrice, Caterina e Giuseppe, e il fratello gemello Mauro e la madre.

La famiglia Biasuzzi è difatto nella storia dell’industria trevigiana e artefice dello sviluppo del nostro territorio da più generazioni e il Fabio Biasuzzi è stato tra i fondatori, nel 1945, di Assindustria a Treviso, di cui è stato Consigliere e prima ancora Presidente del Gruppo Estrattivo. "Ha dato una compiuta dimensione industriale al settore estrattivo, che poi è stato ripresa da molti altri imprenditori. Ha avviato importanti attività nel turismo nel territorio veneto, anch’esse di esempio per molti altri operatori. E’ stato un riferimento nello sport equestre e per la comunità locale" conclude Tonini.

Tra i primi a ricordarlo l'associazione Nazionale Allevatori del Cavallo Trottatore: "Tutta l’Anact si stringe attorno alla famiglia Biasuzzi per la scomparsa del carissimo Fabio Biasuzzi, figura di altissimo profilo dell'ippica e dell'imprenditoria veneta. Dal Presidente La Porta, dai Vice-Presidenti Ceriani e Galdi, dai Consiglieri tutti, dal Segretario Celletti, le più sentite condoglianze al fratello, ing, Maurizio, alla moglie sig.ra Laura, ai figli Beatrice, Giuseppe, Caterina, alla mamma sig.ra Gina, alla cognata sig.ra Marina, a tutti gli altri familiari ed a chi lo ha amato ed apprezzato. Un caro e commosso abbraccio, in particolare, da Francesco Fraccari, a nome di tutti gli allevatori del Veneto".

“Con Fabio Biasuzzi se ne va un grande imprenditore, figlio di una famiglia di grandi imprenditori trevigiani. Il nome dei Biasuzzi, infatti, è un pezzo di storia della Marca. L’epilogo triste della malattia ha messo fine alla sua attività in diversi campi di impresa, dall’escavazione al settore immobiliare, ma anche a quello sportivo e ippico. È stato un appassionato allevatore di cavalli e ha legato il suo nome anche all’Ippodromo di Treviso, grazie ad una passione che gli aveva trasmesso il papà Bepi e che ha condiviso con suo fratello Mauro”. Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto esprime il suo cordoglio per la morte del noto imprenditore Fabio Biasuzzi, avvenuta oggi all’età di settantadue anni. “La scomparsa di Fabio mi rattrista molto. Sono vicino alla moglie, ai figli, a tutti i familiari e tutte le persone che gli sono state vicine e gli hanno voluto bene. A lui dedico un pensiero”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Marca piange Fabio Biasuzzi, storico imprenditore di cave e ippodromi

TrevisoToday è in caricamento