menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gilberto Carlotto

Gilberto Carlotto

Lutto a Conegliano, morto a 78 anni l'ambientalista Gilberto Carlotto

A portarlo via alla vita una malattia contro cui combatteva da tempo. Persona molto conosciuta nella Marca, in passato era stato vicepresidente di WWF Terre del Piave e membro dell'Associazione FareRete

Sono ore di lutto quelle che sta vivendo oggi la comunità di Conegliano. Nella giornata di martedì è difatti venuto a mancare a 78 anni Gilberto Carlotto, noto ambientalista e già vicepresidente di WWF Terre del Piave Treviso - Belluno e membro dell'Associazione FareRete. A portarlo via alla vita una grave malattia contro cui combatteva da tempo. Nativo di Pieve di Soligo, Carlotto era una figura strettamente collegata al territorio coneglianese e alle sue colline, tanto da diventare egli stesso un baluardo a loro tutela. Fortemente contrario all'uso dei pesticidi, o di ogni altra sostanza chimica nei vigneti, in passato aveva anche criticato la candidatura a Patrimonio Unesco delle colline del Prosecco proprio per lo sfruttamento a cui erano state sottoposte negli anni precedenti.

Tra i primi a ricordarlo il collettivo di Marcia Stop Pesticidi: «Gilberto era da sempre al fianco del movimento ecologista trevigiano e veneto. Da studioso e consulente era uno dei più qualificati conoscitori dei sistema chimico tossico e dei suoi danni. Il suo no ai pesticidi era il frutto sia di studio che di una rigorosa scelta etica a favore della vita e della salute. Addio Gilberto».

Questo, invece, il toccante ricordo dell'Associazione FareRete: «Gilberto è sempre stato un passo avanti a noi. Sempre a spronarci ad approfondire e a bacchettarci se non lo facevamo. "Ma non abbiamo tutto il tuo tempo" gli dicevamo ,presi tra lavoro e famiglia. Quante serate trascorse a leggere e discutere riga per riga i vari protocolli e leggi. Discussioni anche accese prima di trovare una condivisione, perchè Gilberto era anche puntiglioso e difficilmente mollava un punto. Ma ci ha sempre messo la faccia e si è sempre speso in prima persona, non solo a Treviso ma in tutto il Veneto e anche oltre regione. Lo chiamavano in tanti per avere un consiglio su come difendersi dall'espandersi dei vigneti e conseguentemente delle sostanze utilizzate per irrorarli, i pesticidi. Non si è tirato indietro quando i vari gruppi gli chiedevano di organizzare una serata per informare la cittadinanza. Quanti comitati si son formati e a quanti ha fornito aiuto per organizzarsi! E quando aveva dubbi prendeva in mano il telefono per contattare Ministero, Università, anche all'estero, per fugarli e consultare i data base. Era un caterpillar, non faceva sconti a nessuno. I messaggi di cordoglio che arrivano al suo profilo Facebook sono una testimonianza della stima che ha saputo suscitare. Ci mancherà quella tua determinazione. Ci mancherai Gil».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento