rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Centro / Borgo Camillo Benso Conte di Cavour

Morto a 74 anni il professor Mauro Boscarol: era considerato il "guru del colore"

Autore, consulente grafico e docente per diversi anni all'Università di Trento, si è spento nella giornata di sabato. Lascia nel dolore due figli ed una nipote

Nella giornata di sabato 13 novembre si è improvvisamente spento a soli 74 anni il professor Mauro Boscarol che in tanti, anche a livello internazionale, hanno sempre considerato come il "guru della gestione del colore". A portarlo via alla vita probabilmente un infarto che lo ha colpito nel letto della sua abitazione, tanto che a scoprire il corpo ormai esanime dell'uomo sono stati la figlia ed il cognato preoccupati in quanto il 74enne non rispondeva al cellulare da alcuni giorni. Da sempre legato al mondo della “arte cromatica”, Boscarol si definiva consulente tecnico-legale nel campo della computer grafica, della gestione digitale del colore, della fotografia digitale e dell’editoria e stampa sia tradizionale che digitale, oltre che esperto nella colorimetria computazionale e programmazione per sistemi OS X e iOS.

Laureato nel 1974 in Matematica e computer all’Università degli Studi di Padova, era molto richiesto per le sue indubbie conoscenze tanto che in passato aveva collaborato con aziende quali Adobe, Apple, Epson, Minolta e con enti quali l’Istituto Superiore di Fotografia di Roma, la Scuola Internazionale di Fotografia di Firenze, la Scuola Politecnica di Design di Milano e la Fondazione Fotografia di Modena. Inoltre, teneva spesso anche corsi, conferenze, seminari e workshop in Italia e all'estero sull'uso delle tecnologie della computer grafica, della fotografia digitale, della multimedialità digitale e sull'uso di programmi come Photoshop ed InDesign, anche perché era stato il primo italiano ad aver ottenuto l'attestato di ACE (Adobe Certified Expert) per Photoshop 5 nel lontano 1999. Boscarol, che faceva poi parte del gruppo Coloratti di X-Rite ed era stato membro del Consiglio di Presidenza del Gruppo del Colore che riunisce gli specialisti del settore di tutta Italia, era stato anche un autore di testi scientifici come “Prima lezione sul colore” edito nel 2019 da Tarka.

Una passione, la sua, che lo aveva anche portato a ricoprire il ruolo di professore, dal 1975 al 1994, nei corsi di Informatica e programmazione della Facoltà di Scienze (Fisica e Matematica) e della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Trento, oltre che di consulente editoriale per la Franco Muzzio Editore. Da ricordare, poi, che nel 2007 aveva aperto “Wikicolore”, un progetto di enciclopedia online sul colore, sulla gestione del colore e sulle sue applicazioni tecniche (fotografia, stampa, web, grafica). Lo scopo, emulando il concetto del diffondere il sapere a 360°della più nota Wikipedia, era quello di creare un database dei concetti del colore più importanti e richiesti sul mercato. Tra le sue passioni, poi, anche quella per l’arte pop art, in particolar modo Roy Liechtenstein sempre in riferimento al colore, e la musica con in primis il collezionismo mirato ai successi di Nina Simone.

Tra i primi a ricordarlo online  c'è Alessandro: "Conoscevo Mauro personalmente e ho sempre avuto con lui un rapporto di reciproca stima (per fortuna ricambiata) che è durato molti anni e che è passato attraverso i nostri settori lavorativi che talvolta si integravano perfettamente. Il mondo del colore non sarebbe lo stesso senza quello che lui ha fatto e gli sarò sempre grato di quello che ha voluto condividere con me e con noi tutti". Così invece Carlo: "Boscarol è una delle poche persone che mi abbia mai insegnato qualcosa; non per le sue smisurate conoscenze tecniche, ma per la umana, calorosa intransigenza con la quale le manifestava. Apprendevi più da 10 delle sue parole che da 1000 pagine di un libro. Sono stato fortunato ad aver fatto qualche metro della mia strada assieme a lui". E ancora così Salvo: "Sono dispiaciutissimo. Ho seguito i suoi corsi, letto i suoi libri, conversato con lui in tante email e sui social...Stento a crederci. Condoglianze sentite alla famiglia. Se ne è andato un grande uomo, oltreché un grande professore e maestro del colore. RIP". Infine, queste le parole di Emanuele: "Era una grande persona…Ho avuto modo di apprendere tantissimo da lui. Se oggi svolgo un’attività di lavoro con il colore è anche grazie a lui. Un abbraccio£.

Boscarol, persona colta ed ironica che risiedeva in Borgo Cavour, lascia dunque nel dolore la figlia Silvia con Alessandro e la nipote Stella, il figlio Alex, oltre a tanti amici e colleghi che si sono subito stretti attorno alla famiglia in questo momento di dolore facendo pervenire decine di messaggi di cordoglio. L’ultimo saluto al caro Mauro si terrà venerdì 19 novembre, dalle ore 12 alle 12.45 nella camera ardente allestita presso l’obitorio dell’ospedale Ca’ Foncello. In seguito, la salma proseguirà il suo viaggio verso il Crematorio di Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto a 74 anni il professor Mauro Boscarol: era considerato il "guru del colore"

TrevisoToday è in caricamento