rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Crespano del Grappa / Via Asolana

Morto schiacciato da una benna: indagato il titolare di Lavinio Reginato

La tragedia sul lavoro avvenuta nel cantiere per la costruzione della nuova scuola di Crespano del Grappa finisce sul tavolo della Procura: l'ipotesi di reato è di omicidio colposo

CRESPANO DEL GRAPPA La tragedia sul lavoro costata la vita a Lavinio Reginato, 58 anni di Asolo, è finita sui tavoli della Procura. Il pm Massimo De Bortoli, magistrato di turno, ha infatti aperto un fascicolo sul caso per l'ipotesi di reato di omicidio colposo iscrivendo il titolare dell'azienda per cui lavorava la vittima sul registro degli indagati. Un atto dovuto per permettere di svolgere gli accertamenti necessari: di certo c'è che l'obiettivo è capire cosa sia accaduto e per questo verrà disposta una consulenza tecnica.

La dinamica, purtroppo, è drammaticamente chiara: l'operaio, che si trovava assieme a un collega, stava lavorando nel cantiere per la costruzione della nuova scuola media, in via Asolana a Crespano del Grappa. Attorno alle 13.30 avrebbe fermato il mezzo e sarebbe sceso passando sotto la pala meccanica che però, proprio in quel momento, si è staccata dal braccio che la sosteneva e lo ha travolto.

Sul posto sono giunti i medici del Suem di Crespano e di Treviso (arrivati anche l'elicottero): inutili purtroppo i tentativi, proseguiti per oltre 30 minuti, di rianimare il 58enne. Gli accertamenti degli inquirenti avranno il compito di stabilire il perché la benna si sia staccata all'improvviso: gli interrogativi vanno dall'errore umano al guasto meccanico, passando anche per la scarsa manutenzione e il difetto di fabbrica del mezzo.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto schiacciato da una benna: indagato il titolare di Lavinio Reginato

TrevisoToday è in caricamento