Addio a Stefano D'Orazio, storico batterista dei Pooh. Canzian: «Nostro amico per sempre»

Il musicista aveva 72 anni, l'annuncio su Twitter dell'amico Bobo Craxi poi confermato da Red Canzian e il resto della band: «Abbiamo perso un fratello»

Stefano D'Orazio

E' morto Stefano D'Orazio. Il musicista ed ex batterista dei Pooh aveva 72 anni: era malato da qualche tempo ed è stato colpito dal Covid. E' stato strumentista, autore e scrittore. L'annuncio è stato dato su Twitter dall'amico Bobo Craxi. Lascia la moglie Tiziana Giardoni.

Stefano D'Orazio, la malattia poi il Covid

Il musicista è stato prontamente ricordato durante la diretta di Tale e Quale Show, varietà di Rai Uno in onda questa sera. «Stefano aveva una malattia pregressa e il Covid ha colpito ancora», ha spiegato la giurata della trasmissione Loretta Goggi, amica di D’Orazio.

D’Orazio è stato uno dei componenti storici di una delle band più amate d’Italia. Oltre ad essere batterista del  gruppo, ha ricoperto diversi ruoli: anche il cantante e soprattutto il paroliere per moltissime canzoni. Ha fatto parte della band dal 1971 al 2009, poi nel 2015 e 2016, in occasione della réunion per il cinquantennale. Il 12 settembre 2017, giorno del suo sessantanovesimo compleanno, aveva sposato con rito civile la compagna Tiziana, con la quale conviveva dal 2007. Non aveva figli, ma ha cresciuto e si considerava a tutti gli effetti padre di Silvia Di Stefano, figlia di Lena Biolcati.

Il cordoglio dei Pooh sui social

Unanime il cordoglio sui social. Tra i primi a commentare la notizia, gli ex componenti dei Pooh, tra cui Red Canzian che ha voluto omaggiare il ricordo dell'amico con una nota condivisa:

STEFANO CI HA LASCIATO!
Due ore fa... era ricoverato da una settimana e per rispetto non ne avevamo mai parlato... oggi pomeriggio, dopo giorni di paura, sembrava che la situazione stesse migliorando... poi, stasera, la terribile notizia.
Abbiamo perso un fratello, un compagno di vita, il testimone di tanti momenti importanti, ma soprattutto, tutti noi, abbiamo perso una persona per bene, onesta prima di tutto con se stessa.
Preghiamo per lui.
Ciao Stefano, nostro amico per sempre...
Roby, Red, Dodi, Riccardo

Tra i tanti messaggi arrivati online, anche quello di Francesco Facchinetti, figlio di Roby: «Zio SDO...grazie per il bene che mi hai voluto. Mi mancherai», scrive, in ricordo dei tanti momenti passati insieme. «Sono distrutto» aggiunge Daniele Battaglia, figlio invece di Dodi. «Una persona perbene, sempre sorridente, piena di energie positiva. Una preghiera per lui e un abbraccio ai suoi fratelli di sempre», fa eco il cantante Enrico Ruggeri. 

Tra i primi a ricordarlo anche Luca Zaia, Governatore del Veneto: «Se n'è andato stanotte Stefano d'Orazio, storico batterista dei Pooh, gruppo che da oltre 50 anni ha riempito le nostre anime di note indimenticabili. Le mie personali condoglianze a Red Canzian, a Roby Facchinetti, a Dodi Battaglia e a tutti coloro che ne hanno amato i successi, parte della nostra vita da più di mezzo secolo». Così invece Mario Conte, sindaco di Treviso: «Un abbraccio alla famiglia e a tutti i componenti della storica band, in particolare al nostro Red Canzian. Insieme hanno fatto la storia della musica Italiana».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento