Mantiene la famiglia spacciando cocaina, 28enne arrestato

Indagine della squadra mobile di Treviso a Motta di Livenza. Il giovane, ora ai domiciliari, viveva con i fratelli di 22 e 24 anni. Sequestrati 20 grammi che il pusher stava smerciando in vista del Capodanno

L'indagine è stata condotta dalla squadra mobile di Treviso

Per mantenere la famiglia aveva scelto di spacciare cocaina. Un'attività molto redditizia che gli permetteva di guadagnare, si stima, circa 16mila euro al mese, garantendo a sè stesso e ai suoi due fratelli, di 24 e 22 anni, che vivevano con lui, una vita economicamente tranquilla e agiata. A mettere fine all'attività di un 28enne di Motta di Livenza (originario di Pordenone), F.C., sono stati gli investigatori della squadra mobile di Treviso che nella serata di lunedì 30 dicembre hanno arrestato il giovane, a cui sono stati concessi gli arresti domiciliari perchè finora incensurato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 28enne si aggirava nella zona dei mercatini di Natale di Motta e da tempo era finito al centro delle indagini della sezione antidroga della squadra mobile: gli investigatori hanno accertato che il giovane smerciava sia nella piazza principale di Motta che nell'abitazione in cui viveva con i fratelli. Quando è stato fermato per essere controllato il 28enne, sulla carta disoccupato, aveva in tasca ben 20 grammi di cocaina, 35 grammi di sostanza da taglio e 600 euro in contanti, oltre al kit per confezionare o pesare dosi di polvere bianca. In casa è stato trovato altro materiale importante per le indagini: sono stati in particolare sequestrati alcuni cucchiai per insalata, di metallo, utilizzati per rompere i sassi di cocaina purissima e poi tagliare le dosi e prepararle alla vendita al dettaglio.

L'indagine è partita da alcune segnalazioni dei residenti del centro di Motta che avevano segnalato uno strano viavai dall'abitazione in cui il 28enne viveva con i fratelli: erano molti i giovani che si recavano qui per rifornirsi di cocaina. Lo spacciatore e i fratelli vivevano da tempo nell'abitazione di famiglia: la madre era mancata alcuni anni fa e il padre non viveva con loro da tempo. Grazie allo spaccio della cocaina (venduta a 100 euro al grammo circa) non vi erano tuttavia problemi economici di sorta. Sia il 28enne che i fratelli non lavoravano in nessun modo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

WhatsApp Image 2019-12-31 at 11.53.20-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento