Motociclista travolto e ucciso, la Procura ordina una perizia cinematica

L'incidente lo scorso 19 agosto a Majano, in provincia di Udine. Marco Vendramini, 49enne di Motta di Livenza, era caduto dopo essere stato investito da un autoarticolato che non si è fermato, salvo poi essere rintracciato dalle forze dell’ordine

Marco Vendramini

La Procura di Udine vuole vederci chiaro sul tragico incidente costato la vita, il 19 agosto 2020, sulla Strada Regionale 463, nel territorio comunale di Majano, all’appena quarantanovenne Marco Vendramini, di Motta di Livenza, nel Trevigiano, travolto, dopo essere caduto dalla sua moto, dal conducente di un autoarticolato che non si è fermato, salvo poi essere rintracciato dalle forze dell’ordine: il camionista, D. V., un bresciano residente a Prevalle, anche lui di 49 anni, è indagato per i pesanti reati di omicidio stradale e omissione di soccorso. Il Pubblico Ministero titolare del procedimento penale per la morte del centauro, la dott.ssa Paola De Franceschi, dopo l’autopsia sulla salma ha infatti disposto anche una perizia cinematica per ricostruire la dinamica, le cause e le responsabilità del sinistro e anche per comprendere “le ragioni del successivo comportamento dell’indagato” scrive il Sostituto Procuratore nel suo avviso di accertamenti tecnici non ripetibili firmato il 4 settembre.

Com’è tristemente noto, la vittima, apprezzato caporeparto presso la Veneta Isolatori di Ceggia (Venezia), per cause al vaglio della polizia locale di Majano avrebbe urtato con la sua Suzuki un furgoncino Ape Piaggio che lo precedeva, con due anziani del posto a bordo, fermo sulla carreggiata, ed ha avuto la fatale sventura, rovinando a terra, di finire nella corsia opposta dove sopraggiungeva il mezzo pesante, che lo ha praticamente schiacciato, senza lasciargli scampo, e che ha tirato diritto: difficile pensare che il conducente del camion non se ne sia accorto, come si è giustificato, anche perché a smentirlo vi sarebbero dei testimoni. E’ quindi subito scattata la caccia al pirata, che è stato individuato e messo di fronte alle sue responsabilità a tempo di record dalle forze dell’ordine, già lo stesso pomeriggio del 19 agosto.

Vendramini ha lasciato nell’immenso dolore una figlia di 17 anni, Silvia, l’ex moglie Roberta, gli anziani genitori Amedeo e Maria e il fratello Giancarlo, i quali, per fare piena luce sui fatti e ottenere giustizia, attraverso il responsabile della sede di Treviso, Diego Tiso, si sono affidati a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini. E’ stata dunque accolta con estremo favore la decisione dell’autorità giudiziaria di voler andare a fondo sul terribile incidente, ordinando questa perizia cinematica, che sarà affidata all’ing. Enrico Dinon: l’incarico verrà conferito giovedì 17 settembre, alle ore 11, presso la sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia di Stato. Alle operazioni peritali parteciperà anche l’ing. Pierluigi Zamuner, consulente tecnico di parte per la famiglia messo a disposizione da Studio3A.

Il Ctu dovrà innanzitutto verificare se sussistano profili di colpa da parte dell’autotrasportatore bresciano nella causazione dell’investimento mortale e, in relazione all’accusa di omissione di soccorso, se egli avrebbe potuto e/o dovuto percepire l’urto con la vittima. La perizia dovrà essere prodotta entro 45 giorni dall’inizio delle operazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento