Cronaca

Castelfranco Veneto: muore a 32 anni nell'atrio del pronto soccorso

Francesco Pugliese era andato in ospedale dopo una caduta in bicicletta. E' stato trovato morto all'alba sui divanetti dell'ingresso

CASTELFRANCO VENETO- Il personale sanitario s’è accorto del suo decesso soltanto all’alba di sabato, poco dopo le 7, quando qualcuno, pensando che dormisse sui divanetti dell'atrio davanti agli sportelli del Cup dell'ospedale di Castelfranco Veneto, ha provato a svegliarlo. Ma Francesco Pugliese, 32 anni di Montebelluna, disoccupato, non ha risposto ai richiami perché era morto già da alcune ore.

Secondo quanto riportato dai quotidiani locali l'uomo si sarebbe recato in pronto soccorso nel tardo pomeriggio di venerdì dopo una brutta caduta in sella alla sua bicicletta. Francesco Pugliese era un disoccupato, alle prese con problemi di tossicodipendenza. Giovedì scorso aveva deciso di lasciare la comunità di Conegliano, dove si trovava per curare la sua dipendenza, per tornarsene a casa. Era anche passato al Sert e aveva parlato con i responsabili della struttura avvisando della sua decisione di tornarsene a casa. Cosa sia successo poi nella notte tra venerdì e sabato, al momento, non è ancora stato chiarito. Pugliese era entrato in ospedale nella notte di sabato, poco dopo l’una, per curarsi le ferite a una mano e a un ginocchio procuratesi in seguito a una caduta dalla bicicletta. Ma in quel momento il personale era impegnato con un’urgenza e avevano chiesto al giovane montebellunese di aspettare in sala d’attesa. Affrontata l’emergenza, i sanitari erano andati a chiamare il paziente per curarlo ma Pugliese non c’era più. Se n’era andato. Almeno così hanno accertato i sanitari. Alle 7 di ieri mattina, il personale dell’ospedale s’è accorto della presenza nella sala d’attesa del giovane montebellunese ma per Francesco Pugliese non c’era più nulla da fare. Era morto secondo i medici, da circa mezz’ora. A stroncarlo sarebbe stato un infarto.

Sul posto è stato comunque necessario l’intervento dei carabinieri della compagnia di Castelfranco guidati dal capitano Alessandro Albiero e dal luogotenente Antonio Currò. Sarà, comunque, l’autopsia a stabilire l’esatta causa della morte di Pugliese, da tempo alle prese con la tossicodipendenza. L’uomo, disoccupato, percepiva una piccola pensione d’invalidità. Ora i familiari vogliono conoscere la verità sul decesso di Francesco, che a loro dire era andato all’ospedale di Castelfranco per curare le ferite riportate in una caduta in bicicletta  Dopo essere stata avvisata dai carabinieri, il pubblico ministero Laura Reale ha disposto l’autopsia vista anche la giovane età di Pugliese. Solo l’accertamento autoptico permetterà di capire l’esatta causa della tragedia. Del caso è stata informata anche la procura della Repubblica di Treviso. L’accertamento autoptico si farà lunedì. Francesco Pugliese lascia la mamma Marianna, il padre Giuseppe ed il fratello Eugenio. I funerali non saranno celebrati prima di martedì.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfranco Veneto: muore a 32 anni nell'atrio del pronto soccorso

TrevisoToday è in caricamento