rotate-mobile
Cronaca

Museo della Battaglia: appalto va alla Lares di Venezia

La ditta veneziana si è aggiudicata l'appalto dei lavori di ristrutturazione del Museo della Battaglia di Vittorio Veneto

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Si è riunita nella serata di giovedì 9 agosto la Commissione aggiudicatrice dell’appalto dei lavori di ampliamento e ammodernamento del Museo della Battaglia per l’esame, in seduta pubblica, delle offerte economiche pervenute.

Alla presenza di rappresentanti delle stesse ditte partecipanti, sono state ammesse alla gara tre aziende sulle cinque che avevano presentato l’offerta: si tratta dell’aziende Giomo di Silea, Tonon S.p.a. di Colle Umberto e Lares di Venezia.

La Commissione ha assegnato, in via provvisoria, l’appalto di detti lavori, che come noto prevedono una spesa complessiva di circa 3.000.000 di euro finanziati dalla Unione Europea, dalla Regione Veneto e dal Comune, alla ditta Lares di Venezia, che ha fatto la miglior offerta dal punto di vista tecnico ottenendo 74.18 punti su 75, e si è aggiudicata l’appalto con un ribasso del 8,69%, portando quindi la spesa finale di contratto d’appalto a 2.059.342,04 euro (la base d’asta a ribasso era di 2.250.000 euro e non comprendeva i 56.007,44 euro di costi per i piani di sicurezza), e con una riduzione dei tempi di realizzazione di 121 giorni, sui 440 previsti dal bando di appalto.

Le altre ditte hanno presentato: Giomo di Silea un ribasso del 7,691%, Tonon di Colle Umberto un ribasso del 19,042%.

L’impresa Lares ha presentato l’offerta in Associazione Temporanea di Impresa con la ditta Permasteelisa di Vittorio Veneto, per la componente dell’allestimento, e con la ditta Termotecnica Veneta di Vittorio Veneto, per gli impianti. La consegna dei lavori e quindi anche l’effettivo inizio è previsto per il 30 settembre.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Museo della Battaglia: appalto va alla Lares di Venezia

TrevisoToday è in caricamento