menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La refurtiva sequestrata dai carabinieri

La refurtiva sequestrata dai carabinieri

Folle inseguimento da Nervesa a Volpago, fermata banda di ladri

Operazione dei carabinieri della Compagnia di Montebelluna nella notte tra sabato e domenica. I malviventi, tre cittadini moldavi, sono stati trovati con attrezzi da scasso: uno di loro era stato espulso a giugno ed è scattato l'arresto

Tre cittadini moldavi di 33, 32 e 17 anni, pluripregiudicati e senza fissa dimora, si sono resi protagonisti, nella notte tra sabato e domenica, di una folle fuga dai carabinieri. I malviventi, intercettati alle 4 del mattino nella zona di Nervesa mentre viaggiavano a bordo di una Fiat Croma, hanno ignorato l'ordine di fermarsi di una pattuglia dei militari, dando così vita ad un inseguimento che è terminato nel centro di Volpago del Montello, dove i malviventi, trovandosi la strada sbarrata da un'altra pattuglia dei carabinieri, hanno dovuto arrendersi e fermarsi. Per due di loro è scattata una denuncia mentre un terzo straniero è stato arrestato: era già stato espulso nel giugno 2019 dall'Italia.

Secondo i carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Montebelluna il terzetto comporrebbe una  banda di ladri specializzata in furti, per la maggior parte  in abitazioni oltre a ditte e cantieri edili. Dalla perquisizione del veicolo sono emersi numerosi arnesi da scasso, due coltelli ed alcune bottiglie di vino pregiato appena trafugato. Come detto è stato appurato dai militari che uno di loro era stato gia’ materialmente espulso dal territorio nazionale nel giugno scorso grazie ad una sentenza del tribunale di Venezia che disponeva il reimpatrio dell’uomo in sostituzione della reclusione in carcere per aver commesso in passato numerosi reati. Trovandosi, quindi, illegalmente in italia e’ stato arrestato ed accompagnato in tribunale a Treviso per il processo per direttissima. I due complici, invece, sono stati denunciati per i reati di ricettazione, possesso di arnesi da scasso e di armi, resistenza a pubblico ufficiale in concorso e accompagnati presso l’ufficio immigrazione della Questura di Treviso per la notifica di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento