menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Patteggia un anno e 4 mesi per maltrattamenti sulla moglie

Patteggia un anno e 4 mesi per maltrattamenti sulla moglie

Maltratta la moglie, patteggia 1 anno e 4 mesi

Violenze e umiliazioni sulla coniuge con cui l'uomo abita a Nervesa della Battaglia. La donna è stata risarcita. Oggi i due sono tornati a vivere insieme

«Se ne hai mangi, oppure fischi». Queste sono alcune delle frasi con cui un 66enne umiliava costantemente la moglie, una 60enne, costringendola ad una vera e propria sudditanza psicologica. L'uomo, difeso dall'avvocato Simone Marian, è comparso di fronte al gup Angelo Mascolo e ha patteggiato ieri, martedì 9 febbraio, una pena di un 1 e quattro mesi, con la sospensione condizionale della pena.

La vicenda ha come teatro Nervesa della Battaglia e si è svolta la scorsa primavera. I due coniugi venivano da un lungo matrimonio da cui sono nati tre figli. Un'unione all'insegna di "alti e bassi" che però, all'incirca un anno fa, è scoppiata. Le tensioni tra i due sfociano in maltrattamenti veri e propri, con lui che si rende protagonista di percosse, e vieta alla moglie per gelosia ogni tipo di contatto sociale con persone al di fuori della propria famiglia, controllandole ossessivamente il telefono. A marzo la donna, provata dal regime di vita a cui il marito la costringeva, sporge denuncia. Nel frattempo i due hanno però fatto pace. Si sono riconciliati e sono tornati a vivere insieme dopo un breve separazione e il 66enne ha anche risarcito la moglie per le vessazioni subite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento