Violentata dal padre a quattro anni, la testimonianza choc della figlia

La giovane donna, oggi 20enne, si è costituita come parte civile e ha testimoniato in aula. «Mi sollevava per le braccia dopo che mi aveva lavato e mi leccava»

UN uomo di 71 anni è a processo per violenza sessuale sulla figlia di soli 4 anni

Si è costituita come parte civile e ha deposto in aula la presunta vittima di abusi sessuali commessi quando lei era solo una bambina. Sul banco degli accusati c'è il padre, un uomo di 71anni, che adesso deve rispondere del gravo reato di violenza sessuale su minore.Una deposizione drammatica, interrotta spesso dal pianto delle ragazza, che oggi ha 20 anni e da qual dito puntato contro il papà, che era in aula, con cui lei dice di non aver più contatti da quando l'uomo ha abbandonato la famiglia 7 anni fa.

«Avevo quattro anni - ha raccontato - e con la scusa di farmi il bagno mi toccava. Ricordo che mi sollevava per le braccia e mi leccava. Lo facevo ogni volta che mi lavava. E' una memoria vivida che ha perché aveva la barba e il contatto con la mia pelle mi aveva causato un forte irritazione, che fu curata con una crema lenitiva». «Mia madre- continua - non era mai in casa quando succedevano queste cose, lavorava...anzi faceva due lavori perché lui non aveva una occupazione. Mi diceva «facciamo il gioco della carota e dell'immondizia», mi stendeva nel letto grande e mi costringeva ad atti orali. Questa cosa è andata avanti fino a quando io avevo sei anni, tra Alano di Piave, Signoressa e Nervesa che sono le tre località in cui ho abitato».

Il racconto continua, in tutta la sua crudezza, con la descrizione anche dei maltrattamenti. «Io non sono brava in matematica - ha detto la giovane - e allora lui mi diceva che ero una buona a niente, non come la "sua" Federica, la figlia che aveva avuto da un precedente matrimonio».

Ma i desideri osceni dell'uomo, che si protesta innocente sostenendo che «la ex mi ha messo mia figlia contro per una questione di soldi», non si arrestavano alla su bambina. «Quando una amica veniva a trovarmi - ha riferito - lui chiudeva gli scuri e poi ci faceva distendere sul lettone grande. Ci faceva vedere filmati osceni che ritraevano delle donne nude che si baciavano, poi voleva che ripetessimo le scene dicendo che anche noi ci potevamo baciare. Ma la cosa peggiore è che ci riprendeva mentre lo facevamo. Lui filmava tutto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento