menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A New York il Consorzio Prosecco DOC si sdoppia alla Couture Fashion Week

"Riteniamo fondamentale essere  presenti negli Stati Uniti, nostro secondo mercato in termini di export, con attività di promozione che ci permettono di aiutare il consumatore a riconoscere ed apprezzare appieno la qualità delle nostre produzioni“ afferma Stefano Zanette, Presidente del Consorzio

TREVISO Duecento bottiglie di Prosecco DOC sono state stappate a New York in occasione delle sfilate di alta moda femminile della Couture Fashion Week (10-12 febbraio) e dell’Oxford Fashion Studio Runway Show (11 febbraio). Durante gli After Party e  Evening Show della Couture Fashion Week, presso l’Hospitality Suite del Crowne Plaza in Times Square, nello spazio destinato al Consorzio di Tutela della Doc Prosecco per ospitare la presentazione della denominazione con l’esposizione delle bottiglie offerte in degustazione da 6 aziende associate, si sono avvicendati giornalisti, designer, modelle, platinum guest e top consumer: 75 ospiti VIP (ogni biglietto d’ingresso valido un giorno venduto a 1.500 $) che hanno brindato con le bollicine più famose del mondo, servite da sommelier di calibro internazionale.

I produttori di Prosecco DOC che hanno presentato le proprie etichette in degustazione sono: BiancaVigna, Castello di Roncade, Fantinel, Masottina, San Simone e Villa degli Olmi. Mentre l’11 febbraio presso “Studio 450”, il Loft Space di Manhattan unico nel suo genere, il Prosecco DOC - proposto dalle aziende Ca’ di Rajo, Cantine Ponte, Bacio della Luna, Serena Wine, Mionetto, Tosti, Piera Martellozzo, Valdo, Desiderio Jeio, Zonin 1821 - è stato protagonista dei brindisi dei tantissimi VIP (600 tra influencer, modelle, media e designer) ospiti della Designer Vip Room e partecipanti alle sfilate di moda femminile nell’ambito dell’Oxford Fashion Studio Runway Show.

“Riteniamo fondamentale essere  presenti negli Stati Uniti, nostro secondo mercato in termini di export, con attività di promozione che ci permettono di aiutare il consumatore a riconoscere ed apprezzare appieno la qualità delle nostre produzioni e in contesti dove il nostro Prosecco ben si coniuga con importanti comparti economici, quali quello della moda e del fashion design“ – afferma Stefano Zanette, Presidente del Consorzio. Il mercato Americano continua poi a dare grandi soddisfazioni al Prosecco Doc: gli ultimi dati (anno terminante a settembre 2016) riferiscono nel 2016 una crescita in volumi del + 22,38% rispetto al 2015 nella frazione spumante, mentre nel frizzante è stata addirittura del +33, 81%, sempre in ettolitri, per un totale complessivo di 60 milioni di bottiglie. Quanto al valore invece, se il frizzante è cresciuto del +5,63%, per lo spumante il consumatore americano, nello stesso periodo esaminato, si è rivelato disposto a spendere l’8,03% in più per una bottiglia di Prosecco Doc.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Montebelluna, la mamma di Mattia ai funerali: «Chi ha sbagliato pagherà»

  • Attualità

    Vaccinazioni, Benazzi difende l'infermiera: «Non è una No Vax»

  • Attualità

    Vax Day per i 70enni: «Code in mattinata, rifiuti per AstraZeneca»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento