Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Dall'Università di Notre Dame (USA) a Treviso per scoprire gli organi della città

Per tre giorni, un gruppo di docenti e studenti dall'Indiana, ha visitato le chiese di San Nicolò, Santa Caterina, San Leonardo e Sant'Agostino per provare i loro preziosi organi

TREVISO Il turismo organistico a Treviso, avviato già da una ventina d’anni grazie all’infaticabile impegno e alle relazioni internazionali del Festival Organistico “Città di Treviso e della Marca Trevigiana”, sta vivendo la sua stagione più intensa. Come sempre, infatti, l’arrivo della primavera porta in città numerosi musicisti, studenti ed appassionati desiderosi di ammirare e di provare gli organi storici della città che – va ricordato – vanta la più alta concentrazione europea di organi storici perfettamente restaurati.

Per tre giorni, un folto gruppo di docenti e studenti dell’University of Notre Dame di South Bend, Indiana, considerata uno dei College più prestigiosi e selettivi degli Stati Uniti, hanno potuto accedere alle chiese di San Nicolò, Santa Caterina, San Leonardo e Sant’Agostino e provare i preziosi organi in esse custoditi, grazie all’ospitalità dei parroci e all’organizzazione e all’accompagnamento offerto dal Comitato Promotore del Festival.

Il prof. Craig Cramer, organista e docente responsabile dei Master di Musica Sacra dell’Università che ha guidato il gruppo, si è detto stupefatto non solo della magnificenza degli strumenti ma anche del loro stato di restauro e conservazione, nonché dell’accoglienza avuta a Treviso, città che – lui come il resto del gruppo – ha trovato molto più affascinante di quanto si aspettasse, in questo tour nelle più significative “città d’organi” italiane, che sono state individuate dalla sua Università in Roma e Treviso.

La visita degli organisti americani ha coinciso con il viaggio a Mafra di una delegazione del Comitato Promotore del Festival, che in questi giorni è nella città portoghese dove si sta svolgendo l’annuale meeting ECHO (sodalizio tra le città europee degli organi storici, in seno alla quale Treviso rappresenta l’Italia) e succede di qualche settimana a quella dei musicisti della Oxford and District Organists' Association (ODOA), che hanno soggiornato per sei giorni a Treviso, sempre coordinati e guidati dai membri del Comitato Promotore del Festival.

Nelle prossime settimane, altri gruppi di musicisti e appassionati visiteranno e testeranno i diversi strumenti storici trevigiani in tour che rientrano nel virtuoso circuito di turismo organistico che il Festival ha da tempo avviato richiamando organisti da tutta Europa, America e Asia, nel segno di un’internazionalità che non è solo fama ma anche concreto interesse ed apprezzamento del patrimonio organistico trevigiano da parte dei musicisti di tutto il mondo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'Università di Notre Dame (USA) a Treviso per scoprire gli organi della città

TrevisoToday è in caricamento